Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / inter / News
Milan, avanzano i dialoghi per lo stadio a San Donato: accordo di programma con la Regione
lunedì 24 giugno 2024, 15:42News
di Marco Corradi
per Linterista.it

Milan, avanzano i dialoghi per lo stadio a San Donato: accordo di programma con la Regione

Mentre esaminano il progetto per la ristrutturazione di San Siro presentato da WeBuild, Inter e Milan avanzano per i rispettivi progetti riguardanti i propri impianti. Più concreti i passi dei rossoneri che, come svela Calcio&Finanza, quest'oggi riceveranno il sì della Regione riguardo all'accordo di programma siglato col Comune di San Donato per l'impianto. Lo step sarà fondamentale per  arrivare a un'ipotesi di realizzazione dell’impianto sportivo superando i nodi critici, che riguardano i legami istituzionali e i trasporti: il sì della Regione segue quello di FS Sistemi Urbani, che era stata chiamata in causa insieme a Città Metropolitana, Gruppo FS Italiane, Rete Ferroviaria Italiana e Sportlifecity.

Di seguito le parole del presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana: "La Regione ha il ruolo di essere promotore dell'accordo di programma che va portato avanti nel rispetto di quelle che sono le regole ordinarie. Questo non incide sulle scelte che il Milan dovrà fare. Penso che ci sia concretezza da parte del Milan per andare avanti. La determinazione di portare avanti l'accordo di programma c'è. Credo però che il Milan ora dovrà valutare anche la proposta di WeBuild sulla ristrutturazione di San Siro, ma sono scelte che non riguardano la Regione, che deve attenersi ai suoi obblighi di carattere meramente amministrativo".