Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / inter / News
Italia, Libero: "Perché questo Di Lorenzo viene preferito a Darmian?"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
venerdì 21 giugno 2024, 14:09News
di Adele Nuara
per Linterista.it

Italia, Libero: "Perché questo Di Lorenzo viene preferito a Darmian?"

Inevitabilmente l'argomento del giorno sui quotidiani sportivi è la disfatta di ieri, in terra tedesca, della nazionale azzurra contro la Spagna. Dalle pagine di Libero, Claudio Savelli analizza la formazione del CT Luciano Spalletti mettendone in risalto diverse incongruenze: "Di Lorenzo reduce da una stagione opaca preferito ad un Darmian o a un Mancini molto più brillanti; Bastoni sacrificato da centrale puro per far giocare Calafiori, quando potrebbe essere il contrario (è più "difensore" il rossoblù del nerazzurro); Pellegrini relegato a compiti solo ed esclusivamente difensivi; Jorginho che si nasconde e mette fuori partita pure Scamacca perché la squadra è lontana dalla punta. Non palleggiamo mai, non riusciamo ad aggirare il pressing, così finiamo per lanciare lungo e perdere il pallone".

Ma non è tutto perché il CT azzurro sbaglia anche nel corso dei cambi: "Spalletti vede tutte queste difficoltà e provvede a disegnare un’Italia più sostanziosa. Dentro Cristante per Jorginho per infastidire Fabian Ruiz e Cambiaso per Frattesi per avere più controllo del pallone. Con questi due cambi, Spalletti ammette l’inferiorità dell’Italia ma al contempo, anche lui come l’Italia, si ribella. Quando soffri così tanto è apprezzabile il doppio cambio all’intervallo sullo 0-0 piuttosto che l’attesa del gol subito per avviare le sostituzioni - prosegue Savelli -. L’Italia perde la partita ma non perda la testa: la Croazia (lunedì) è ampiamente alla portata e per il secondo posto che vale gli ottavi basta pareggiarci".