Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / inter / Calcio estero
Il Porto addormenta l'Arsenal, poi lo colpisce al 93': Galeno decide il primo roundTUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
mercoledì 21 febbraio 2024, 22:57Calcio estero
di Gaetano Mocciaro

Il Porto addormenta l'Arsenal, poi lo colpisce al 93': Galeno decide il primo round

Porto che regala la prima sorpresa dell'andata degli ottavi di finale di Champions League: addomestica l'Arsenal al termine di una partita perfetta per gestione difensiva, poi colpisce i gunners quando non c'è più tempo da recuperare. Finisce 1-0 al "Do Dragao" e ora per i londinesi si fa dura.

PEPE DA RECORD - Inglesi con qualche problema in difesa, con le assenze di Timber, Tomiyasu e Zinchenko. Situazione che prota Arteta a schierare Kiwior sulla sinistra. Davanti con Gabriel Jesus infortunato viene impiegato il belga Trossard gioca da finto 9. Porto senza Taremi, che si è infortunato nel weekend, con Sergio Conceiçao che schiera Evanilson come riferimento offensivo, dando spazio al figlio Francisco come esterno destro d'attacco. Da segnalare il record di Pepe: fra cinque giorni compirà 41 anni ed è il giocatore più vecchio a giocare una partita a eliminazione diretta di Champions League.


PORTO FERMO AL PALO - L'Arsenal tiene palla, il Porto attende. Per quanto visto nei primi 45' i lusitani sembrano giocare in trasferta, lasciando l'iniziativa all'avversario e controllandolo con grande compattezza difensiva per poi cercare in velocità di ripartire. Poche le emozioni, un solo tiro in porta ed è proprio del Porto con Galeno che prende il palo dopo 21 minuti di gioco. Situazione che resta di stallo per il resto della partita, con gli inglesi che provano a sfondare sulla destra con Saka e si affidano all'estro di Odegaard e Havertz. Paga però l'assenza di un finalizzatore.

IL CAPOLAVORO DI GALENO - Secondo tempo se possibile pure peggio del primo, senza tiri in porta e che scorre fra cartellini gialli (se ne contano quattro) e sostituzioni. Tutto lascia pensare al pari e invece Galeno si inventa a pochi secondi dal triplice fischio la rete della vittoria: destro a giro da fuori area e pallone che si infila sul palo più lontano. Appuntamento all'Emirates il 12 febbraio. Servirà tutt'altro Arsenal per strappare il pass per i quarti di finale, vero e proprio tabù per i londinesi. L'ultima volta in cui sono riusciti a spingersi così lontano è stato nel 2010.