Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / inter / Serie A
Beccalossi: "Gli ultimi arrivati sembrano all'Inter da dieci anni, l'ho visto alla festa di Natale"TUTTO mercato WEB
© foto di Federico De Luca
domenica 21 aprile 2024, 19:00Serie A
di Giacomo Iacobellis

Beccalossi: "Gli ultimi arrivati sembrano all'Inter da dieci anni, l'ho visto alla festa di Natale"

Un solo obiettivo, la seconda stella. È sempre stato questo il leitmotiv dell'Inter, dallo staff di Simone Inzaghi ai piani alti della società, arrivando fino allo spogliatoio. E proprio qui il senso di unione e compattezza che ha sempre risaltato durante la stagione è stato svelato da Evaristo Beccalossi, in un'intervista sulle colonne di Tuttosport, con una fotografia dei festeggiamenti natalizi del club:

"Le svelo una cosa che ho notato alla festa di Natale: anche gli ultimi giocatori arrivati all’Inter sembra siano nerazzurri da dieci anni. Questa cosa mi ha colpito. In gruppo capitano le incomprensioni, questi stanno bene insieme. Io ho vissuto degli anni in cui facevamo fatica a salutarci negli spogliatoi. Oggi si capisce come siano uniti per davvero".


Chi deciderà il derby? L'ex nerazzurro e attuale capo delegazione dell’Italia Under 19 scommette su due nomi: "Nel derby non si sa mai, ai miei tempi quando eri favorito, vincevano gli sfavoriti. Quando siglai una doppietta c’era chi prima della partita disse che non dovessi giocare per via del campo pesante, che non avrebbe fatto risaltare le mie qualità tecniche. Poi chiaro che ci sono sempre i numeri uno che fanno la differenza: direi Thuram e Lautaro".