Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / inter / Serie A
Insigne: "Sognavo di chiudere la carriera al Napoli, è andata com'è andata"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
martedì 5 dicembre 2023, 15:15Serie A
di Ivan Cardia

Insigne: "Sognavo di chiudere la carriera al Napoli, è andata com'è andata"

Da capitano a spettatore. Lorenzo Insigne è tornato a Napoli, dove ha assistito alla sconfitta per 3-0 degli azzurri contro l'Inter: "Per me entrare in quello stadio regala sempre emozioni uniche - racconta a Sky l'attaccante italiano, oggi al Toronto - da bambino ho sempre sognato di fare quello che ho fatto con la maglia del Napoli, giocare, essere capitano. Per cui ripeto, entrare là dentro è sempre qualcosa di speciale".

L'addio al Napoli.
"Sicuramente il mio sogno era rimanere qua per tutta la vita. Non è stato così, Napoli la porterò sempre nel cuore, è casa mia. Volevo rimanere di più, è andata com'è andata ma va bene così. Quando abbiamo fatto quell'annata da 91 punti con Sarri è stato clamoroso non vincere lo scudetto. Però penso che tra virgolette il demerito è stato pure nostro, perché ce lo siamo fatto sfuggire dalle nostre mani. Però io da tifoso ho festeggiato a Toronto, con i miei figli a casa abbiamo fatto la cena, perché so quanto ci tenevano i giocatori e soprattutto la nostra città".

Lo scudetto dell'anno scorso?
"Non sarò mai invidioso per la vittoria, perché sono stato e sono sempre il primo tifoso del Napoli. Non è il momento dell'anno scorso, però in un anno questi momenti ci possono stare. A sprazzi ho visto il Napoli di Spalletti e spero che mister Mazzarri farà un grande lavoro, soprattutto mentale, perché ora i ragazzi hanno bisono. Il mister ha tanta esperienza alle spalle, poi è stato fermo e ha avuto modo sicuramente di studiare. E poi la cosa importante è che lui conosce già l'ambiente, Napoli, società e tifosi. Questo sicuramente alla lunga sarà un vantaggio per i giocatori e per la società".


Adesso arriva anche la partita contro la Juventus.
"Ho fatto tante sfide contro la Juve, da napoletano e tifoso del Napoli è sempre stato bello segnare contro di loro. Speriamo che il Napoli farà una grande prestazione per portare una gioia ai nostri tifosi. Kvara non lo conoscevo come giocatore, però vedendolo l'anno scorso è stato lui il valore aggiunto del Napoli. Ha fatto delle cose straordinarie. A Victor l'unica cosa che direi è di pensarci bene prima di andare via da Napoli, perché penso che le emozioni che ha vissuto l'anno scorso qua non si possono vivere dalle altre parti. Se vinci uno scudetto a Napoli è diverso che vincerlo con un'altra maglia. Sicuramente lui saprà fare una scelta giusta per lui, io spero che rimarrà qui ancora tanti anni perché è un giocatore fortissimo. E spero che anche la società se deve fare uno sforzo è giusto che lo faccia, perché attaccanti così forti in Europa non ce ne sono".

Chi è favorita?
"Io da tifoso posso essere pure di parte, lo so che è difficile, ma spero con tutto il cuore che vinca il Napoli. Ora i punti di differenza dalla capolista sono tanti, però al momento non vedo proprio una favorita al 100%. Spero solo che il Napoli continui a essere quello dell'anno scorso e risalga la classifica. Finché gioco a calcio io sarò sempre a disposizione del CT, come ho sempre detto anche a lui, perché la Nazionale è la Nazionale, è una maglia particolare. Io poi ho vissuto un momento indescrivibile con questa maglia che non dimenticherò mai, la vittoria dell'Europeo. Ripartirò sicuramente forte l'anno prossimo, sperando di non avere ancora tanti infortuni. Ripeto, sicuramente hanno inciso tanto le scelte del mister. So che devo fare di più anche a 32 anni, perché non basta solo il nome per essere convocato, ma bisogna sempre dimostrarlo e meritarselo in campo".