Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / juventus / Primo piano
Di Lella a RBN: "La Juve non è guarita, ma le vittorie fanno bene all'autostima"TUTTOmercatoWEB.com
giovedì 6 ottobre 2022, 18:40Primo piano
di Fabiola Graziano
per Bianconeranews.it

Di Lella a RBN: "La Juve non è guarita, ma le vittorie fanno bene all'autostima"

Consueto appuntamento del giovedì con Andrea Di Lella su Radio Bianconera. Ospite della trasmissione "2 in Bianconero" condotta eccezionalmente dal solo Alessandro Santarelli, Di Lella ha parlato dell'attuale momento della Juventus, commentando la vittoria in Champions League contro il Maccabi Haifa.

"La Juve non è ancora guarita, ma ci sono cose positive dalla partita di ieri. È una Juve ancora convalescente, che però sta trovando una discreta fase realizzativa. C’è ancora da lavorare tanto, soprattutto nella frenesia di determinati momenti, dove sarebbe più opportuno abbassare i ritmi e ragionare. Diamo ancora l’impressione di essere troppo timidi e di poter prendere goal in qualsiasi momento. Tuttavia, mi tengo strette le ultime due vittorie che fanno sempre bene all'autostima, anche se con il Bologna è stata una vittoria migliori perché abbiamo rischiato zero, e spero che siano l’inizio di una continuità che dovrebbe portarci a giocarci lo scudetto e a passare il turno agli ottavi di Champions, in virtù delle quali per me sarà più importante la gara di ritorno con il Maccabi. Uscire da questo girone sarebbe delittuoso, per gli investimenti fatti dalla società, ma in Israele bisogna vincere per forza perché, qualora ci fosse un altro pareggio tra PSG e Benfica, si potrebbe pensare di fare la corsa su due e non su una sola squadra".