Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / juventus / Altre notizie
Porrini: "Alla Juve mancano i leader, l'abitudine a vincere e la personalità"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
sabato 24 febbraio 2024, 07:04Altre notizie
di Daniele Petroselli
per Bianconeranews.it

Porrini: "Alla Juve mancano i leader, l'abitudine a vincere e la personalità"

"Mister Lippi ha ragione, i grandi cicli si aprono attraverso i grandi giocatori e la loro mentalità vincente. L'allenatore è importante e in alcune circostanze è fondamentale, come lo può essere la figura di Gasperini all'Atalanta, ma poi è chi scende in campo a fare la differenza". A dirlo a TuttoJuve l'ex Sergio Porrini, che poi però ha ammesso: "Qui mancano i leader, i calciatori carismatici, l'abitudine a vincere e la personalità. E in tutte le grandi squadre del passato c'erano: nella Juve di Platinì, nella mia di Lippi, in quella dei nove scudetti consecutivi. Anche il contesto può far la differenza, ma è chiaro che deve esserci sotto una base ottimale. Ci devono essere almeno 4/5 fuoriclasse, che devono esserlo fuori così come all'interno del terreno di gioco. Sono loro le figure a cui i giovani devono far riferimento per diventare poi i leader di domani".

Mentre sul futuro di mister Allegri ha detto: "Ci sono tanti allenatori che stanno facendo molto bene in Italia, ed è innegabile che in questi tre anni non siano arrivati i risultati. Ma oltre ai trofei non conquistati, dopo tutto questo tempo non è arrivato nemmeno il gioco. E' da tre anni che facciamo gli stessi discorsi, siamo qui ancora a parlare di una Juventus altalenante sulle montagne russe e con un'identità non definita. Un pensiero, il prossimo anno, ad un allenatore potrebbe esserci, ma poi è chiaro che valuteranno anche la situazione economica. Siamo in un periodo di crisi dal punto di vista finanziario, con altri ingaggi e in altre situazioni (proprio a livello societario e il caos pazzesco avvenuto lo scorso anno) probabilmente Allegri non era già più sulla panchina della Juventus".