Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / juventus / Altre notizie
City, Guardiola sul futuro: "Ecco quale esperienza mi piacerebbe fare"TUTTO mercato WEB
© foto di Uefa/Image Sport
sabato 24 febbraio 2024, 00:11Altre notizie
di Matteo Celletti
per Bianconeranews.it

City, Guardiola sul futuro: "Ecco quale esperienza mi piacerebbe fare"

Pep Guardiola, allenatore del Manchester City, ha parlato del suo futuro ai microfoni di ESPN. Ecco le sue dichiarazioni: "Non so chi mi prende… Ma vorrei allenare una nazionale. Non so quando, tra 5, 10 o 15 anni, ma mi piacerebbe giocare un Mondiale da allenatore. Mi piacerebbe fare l’esperienza di vivere un Mondiale, un Europeo. Una Coppa, una Copa America. Quando ci arrivi e sei lì, tutti vogliono buttarti già dalla vetta. Toglierti i meriti. Ce l’hai fatta.

Ma una volta sono soldi, un’altra volta è Lionel Messi, un’altra volta è che il Bayern vince sempre... Sono seduti lì a guardarti, ma chi lavora e può farlo sei tu, non loro. Se faccio male torno a casa. Con i miei giocatori, la mia squadra e la mia società. Quando sono arrivato al Barcellona l’86% non mi voleva. Ma meglio arrivare così che ‘ah, tutto perfetto’. Convinci l’uno, l’altro. Preferisco che la gente abbia dubbi. Ho bisogno che tu non ci creda, mi dà un’energia incredibile.

Così te lo dimostro. Non è una caratteristica esclusiva di Haaland o Guardiola. È così. Aspettano che non faccia 56 gol. Aspettano che fallisca. È così. È sempre stato così. Con Pelé, Romário, Ronaldo, Rivaldo, Neymar. Con tutti. Sempre così e sempre sarà. Se vuoi combatterlo sei perduto. Invece devi pensare: ‘Quando l’arbitro fischia, io gioco, tu no. Adesso ti dimostro che hai torto, che ho ragione io’. La forza che hanno i miei atleti, oggi e sempre, è lo sport".