Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / juventus / Primavera
Juventus U19, fiammate (tardive) dei singoli e difesa distratta: così i playoff diventano un miraggioTUTTO mercato WEB
© foto di Federico De Luca 2024 @fdlcom
martedì 5 marzo 2024, 08:45Primavera
di Matteo Barile
per Bianconeranews.it

Juventus U19, fiammate (tardive) dei singoli e difesa distratta: così i playoff diventano un miraggio

La Juventus U19 perde contro il Sassuolo grazie a errori difensivi e pochi spunti d'attacco: adesso la strada verso i playoff si fa in salita

Lenta, impacciata, priva di guizzi vincenti in tempo utile e distratta. La Juventus U19 cade di nuovo. Questa volta la sconfitta arriva in casa tra le mura amiche dell'Ale&Ricky. Un Sassuolo Primavera più dinamico e organizzato nella proposta dei propri principi di gioco ha la meglio rispetto ai padroni di casa. Finisce 1-2 la gara di Vinovo e, forse, rischia di finire qui il sogno playoff per i ragazzi di Montero. Il passo falso contro i neroverdi è ancora più preoccupante di quello del Sinergy Stadium totalizzato contro l'Hellas Verona. Se la caduta contro gli scaligeri, però, potrebbe anche considerabile un incidente di percorso, quello del JTC rischia di assumere i connotati di una condanna definitiva che si poggia su due basi: una fase difensiva troppo distratta e un attacco che vive di pochi e tardivi momenti degni di nota.  

ERRORI DEI SINGOLI E DI REPARTO: LA DIFESA DELLA JUVENTUS U19 SI RISCOPRE FRAGILE - La Juventus U19 subisce due goal. La dinamica delle azioni da goal del Sassuolo è diversa, ma questa ha in comune due aspetti: il nome del marcatore e la capacità della formazione di Montero di farsi del male da sola. In occasione della prima rete, è Ngana a commettere una leggerezza: il centrocampista riceve il pallone da Vinarcik in fase d'impostazione, ma se lo fa soffiare con grande facilità in piena area di rigore da Bruno. Nasce da qui la prima realizzazione di Vedovati, abilissimo a saltare il portiere della Juventus U19 e ad accompagnare in porta il pallone dello 0-1. Se questo accaduto può essere circoscritto al demerito di un singolo, ciò che avviene in occasione del secondo goal sassolese è alquanto inconcepibile. Tre ragazzi in bianconero non riescono a contrastare il possesso abbastanza innocuo di Russo, posizionato sulla fascia sinistra. Quasi dalla linea di fondo, il numero nove fa partire un cross al centro anche abbastanza lento, che, però, viene fatto filtrare ugualmente da due difendenti juventini. Ad approfittarne è nuovamente Vedovati, implacabile nel punire le défaillances dell'imbambolata difesa bianconera.

MANOVRA PREVEDIBILE E SPUNTI OFFENSIVI (VINCENTI) TROPPO TARDIVI - Le amnesie difensive della Juventus U19 non è l'unico problema da analizzare. Nel corso della gara contro il Sassuolo Primavera di Bigica è emersa anche l'incapacità di creare trame offensive poco fluide e, di conseguenza, poco pericolose. Manca imprevedibilità corale per far male alla porta di Theiner. Per compensare, la squadra di Montero si affida ai guizzi dei singoli. Due, per la verità, ed entrambi provenienti dalla panchina. Entrambi, però, risultano troppo tardivi: sono Crapisto e Pagnucco i protagonisti della riscossa bianconera. Il primo va a segno all'81' con un esterno sinistro di pregevole fattura successivo, il secondo si esibisce con una volée mancina, che si insaccherebbe sotto l'incrocio dei pali senza il miracolo di Theiner. Ma così non è. Ed ecco che il carico dei rimpianti della Juventus U19 aumenta. Tuttavia è giusto recitare il mea culpa. Arrivare ai playoff è un obiettivo ancora sensibile, ma, con prestazioni così negative, rischia solo di diventare un miraggio.