Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / juventus / Calciomercato
Szczesny ha rifiutato il rinnovo oltre giugno 2025: no alla spalmatura dell'ingaggio proposta dai bianconeriTUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
mercoledì 24 aprile 2024, 15:30Calciomercato
di Marta Salmoiraghi
per Tuttojuve.com

Szczesny ha rifiutato il rinnovo oltre giugno 2025: no alla spalmatura dell'ingaggio proposta dai bianconeri

Stando a quanto riportato dai colleghi di TMW Wojciech Szczesny ha rifiutato il prolungamento del contratto con la Juventus oltre il 30 giugno 2025, con una spalmatura dell'ingaggio.

Il portiere polacco si trova bene a Torino e non ha intenzione di lasciare la città, ma non c'è accordo con i bianconeri per un prolungamento del contratto. L'attuale stipendio è estremamente alto, pari a 6,5 milioni di euro più bonus. Questa cifra incide notevolmente sulle finanze della Juventus: il piano era di offrire qualcosa in più per un contratto biennale, a 4 milioni di euro all'anno compresi i bonus. Quindi, circa un milione in più rispetto alla situazione attuale.

Tra un anno, quindi, la Juventus avrà due portieri in scadenza di contratto, sia Perin che il polacco. È possibile che, se Szczesny dovesse disputare una stagione eccezionale, tra dodici mesi potrebbe arrivare un altro rinnovo. Ma non è questo l'argomento di discussione in questo momento.
Poi, tra un anno, ci sarà la scelta del portiere. Ecco perché sia Carnesecchi che Di Gregorio in questo momento sembrano strade difficili da percorrere. Proprio perché la rosa dei numeri uno non cambierà facilmente per la prossima stagione.