Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / juventus / Il punto
IL SANTO DELLA DOMENICA -  I VECCHI TROMBONI DELLE PLUSVALENZE A SENSO UNICO. POVERI DIAVOLI, CHE PENA CI FANNO..
domenica 16 giugno 2024, 00:01Il punto
di Alessandro Santarelli
per Tuttojuve.com

IL SANTO DELLA DOMENICA - I VECCHI TROMBONI DELLE PLUSVALENZE A SENSO UNICO. POVERI DIAVOLI, CHE PENA CI FANNO..

Il goffo tentativo di iniziare a delegittimare la Juventus è cominciato. Questa volta la prendiamo a ridere, ma quanto detto da alcuni “ soloni” sull’operazione che Giuntoli sta portando avanti con l’Aston Villa per assicurarsi Douglas Luiz, fa davvero riflettere. La propaganda degli “anti” è cominciata, e cosa ancora più grave, è che si ritorna sulla vicenda plusvalenze. Detto che nessun giornalista si può arrogare il diritto di valutare il prezzo dei calciatori, perché gli stessi “ soloni” non commentano le operazioni delle altre squadre? Perché non hanno speso una parola sulle plusvalenze del Napoli nella famosa trattativa Osimhen? Perché non hanno pontificato sul “favore” dello scorso anno, certificato urbi et orbi, fatto dal Sassuolo alla Roma? Perché non abbiamo letto ne sentito commenti alla cessione di Casadei oppure di Onana? Inutile che scriviamo la risposta, perché ognuno di voi la conosce molto bene. Una cosa però va detta: onestà intellettuale.

Ecco questa sarebbe opportuna, invece che pontificare e sparare a zero solo in una direzione. Detto che poi il tifoso della Juventus di fronte a certi soggetti sa come reagire, indifferenza e sorrisi, il segnale è chiaro: la Juve sta tornando e qualcuno, non propriamente indifferente ai colori bianconeri, comincia a portare avanti la campagna di delegittimazione. Come dire, il cane comincia ad abbaiare quando sente il pericolo.

E pensare che non siamo neppure all’inizio, che nessun colpo di mercato è stato fatto e che nessuna partita è stata giocata. Ma l’aria di positività che si respira attorno al nuovo progetto è tangibile. Nessun volo pindarico e nessuna illusione: Thiago Motta è un ottimo allenatore, ma che non ha ancora fatto l’esame di maturità, le idee di Giuntoli sono interessanti ma devono essere concretizzate, e come al solito poi sarà il campo ad emettere ogni tipo di giudizio. I passi da fare sono e saranno tanti soprattutto per tornare ad essere competitivi su più fronti. Rinforzare però la squadra, con uno sguardo all’immediato è cosa buona e giusta. Partendo dal reparto mediano, dove probabilmente, a parte Rabiot se rinnoverà, nessuno degli anni titolari degli anno passati, avrà il posto nell’undici iniziale.

Difesa e attacco, avranno delle modifiche, Calafiori è un’ottima idea, ma se non dovesse arrivare nessun dramma, spazio ad   Hujisen, talento indiscusso con enormi margini di miglioramento. Questione attacco: molto gira attorno alla scelta di Chiesa, ma caro Federico, la Juve non è società che può attendere le tue decisioni. Anzi, forse mentre giustamente tu sei impegnato nell’Europeo, Giuntoli starà già ipotizzando il post Chiesa.

Già l’Europeo. Fa bene Spalletti a chiedere l’appoggio di 60 milioni di tifosi, ma cosi ad occhio, questa sembra essere la nazionale più lontana dall’affetto di tanti appassionati di calcio, in primis juventini. Forse Gravina si dovrebbe porre una domanda..