Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
tmw / juventus / Serie A
TMW RADIO - Durante: "Il nostro calcio è in fase calante, mancano completamente le idee"TUTTOmercatoWEB.com
mercoledì 6 luglio 2022, 20:53Serie A
di Tommaso Bonan
tmwradio

Durante: "Il nostro calcio è in fase calante, mancano completamente le idee"


Nel corso della trasmissione “A Tutto Mercato”, su TMW Radio, è intervenuto l’agente FIFA ed esperto di calcio brasiliano Sabatino Durante per commentare vari temi.

Che idea si è fatto dei problemi del nostro calcio?
“Il nostro calcio è in una fase molto calante. C’è una totale mancanza di idee nel nostro campionato. Basta pensare che il presidente della Uefa ha detto che non abbiamo uno stadio pronto per ospitare la finale di Champions League. Io penso che i giornali siano alla canna del gas, per questo motivo sono tutti molto allineati. Se devo dare una stangata non mi faccio problemi. Anche sul mercato credo che ci siano poche idee. Si parla di mercato straordinario e che i nostri dirigenti sono i migliori ma non vinciamo mai nulla. Ora per fare un esempio su questo argomento pensiamo al ritorno di Lukaku, mi chiedo perchè non si investe su Lopez, che è un giovane che a pari età di Lautaro in Argentina ha fatto più goal. Basti pensare che due anni fa quando il belga è arrivato a Milano con 10 milioni in meno si poteva comprare uno come Rodrygo del Real Madrid, che ha segnato in semifinale di Champions League. Il problema è che mancano le idee”.

Sembra che negli ultimi anni arrivino meno calciatori sudamericani nel nostro campionato, come mai per lei?
“Io vi dico una cosa per farvi un esempio. Luis Diaz, che ora è al Liverpool, dopo la Coppa America nel 2019 è stato offerto alle squadre italiane e si prendeva per 8 milioni. Everton, di cui si è parlato tanto, era svincolato e bastavano pochi soldi per poterselo portare in Italia. Noi ci riempiamo la bocca, dicendo che non giocano gli italiani ma se non sono forti che si può fare. Le nostre Serie B e Serie C sono piene di giocatori di colore che vengono dall’Africa e questi sono tesserabili mentre per i sudamericani è diverso. Non fatemi passare per razzista, io non giudico per passaporto o colore della pelle, dico solo che ci sono delle strutture organizzative e burocratiche da rifare”.

Che idea si è fatto su Marcos Antonio e su Bremer?
“Marcos Antonio per esempio è stato pochissimo in Brasile. È un piccoletto, diciamo che per la struttura fisica e ruolo potremmo paragonarlo a Sensi, ma non è Sensi. È un giocatore molto bravo tecnicamente ed è un distributore di gioco. De Zerbi me ne ha parlato molto bene e penso che Sarri lo metta a dirigere l’impostazione di gioco. Su Bremer è un giocatore molto bravo sull’uomo senza che fa troppi falli, a differenza di uno della Juventus che viene valutato 100 milioni che per me è roba da matti. Inoltre in genere si dice che è più facile per uno bravo sull’uomo marcare a zone che il contrario. Lo vedo davvero molto vicino all’Inter e penso che non sia ancora conclusa la trattativa per problemi di tempistiche".