Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / juventus / Altre Notizie
TMW RADIO - Marchetti: "Allegri da sempre centrale nel progetto Juve. Mondiale? Francia favorita"TUTTOmercatoWEB.com
martedì 6 dicembre 2022, 11:28Altre Notizie
di TMWRadio Redazione
tmwradio

Marchetti: "Allegri da sempre centrale nel progetto Juve. Mondiale? Francia favorita"


Editoriale con Luca Marchetti, intervistato da Vincenzo Marangio
Durante l'appuntamento odierno con L'Editoriale è intervenuto ai microfoni di TMW Radio il giornalista di Sky Sport Luca Marchetti. Queste le sue parole:

L’esonero di Blessin era ormai nell’aria. Sorprende la promozione ad interim di Gilardino?
“Sono arrivate due sconfitte piuttosto dolorose per il Genoa e ora si cerca di ricompattare un po’ l’ambiente. Si è deciso di affidare la panchina ad interim a Gilardino che sta facendo molto bene con la Primavera del Genoa. Lui ha vissuto una carriera particolare da allenatore, perché comunque ha iniziato subito da una prima squadra per poi passare a lavorare in Primavera. Ora torna in una prima squadra e sicuramente si giocherà la prossima partita.”

Quanto conta la gavetta per gli allenatori di alto livello?
“Se Inzaghi non avesse fatto la gavetta nella Primavera della Lazio, adesso non si troverebbe sulla panchina dell’Inter. Conte prima di vincere con la Juventus è passato da Arezzo e Bergamo, dove ha faticato molto e ha ottenuto risultati negativi. Tutto questo ti aiuta a crescere, ti permette di avere un’esperienza che poi ti permetterà di gestire al meglio la pressione”

Ci possiamo aspettare dei possibili cambi in panchina alla ripresa del campionato?
“Chi doveva cambiare poteva e doveva farlo. Se qualcuno dovesse cambiare l’allenatore nelle prime giornate allora sei fesso. Bisognerebbe che Striscia portasse il tapiro. Non serve una sconfitta in più o in meno. Hai un mese e mezzo di programmazione del mercato e della preparazione, se decidi di esonerare un allenatore dopo due partite allora sarebbe una grande mancanza di programmazione. Potevi fare la preparazione, rifare la rosa tramite il mercato. Si parlava di Salernitana e Sampdoria, io mi auguro che le analisi siano state fatte e adesso si continuerà con gli allenatori che ci sono ora.”

Potrebbe cambiare in casa Juventus il ruolo di Allegri?
“Lui aveva già un rapporto molto diretto con Cherubini. Sicuramente in corso d’opera capiremo che mercato potrà fare, Allegri comunque è sempre stato protagonista del mercato fin da quando è tornato. Il rapporto con Cherubini è ottimo, dal suo ritorno ha dettato l’agenda bianconera anche grazie ai risultati ottenuti in passato. Allegri è sempre centrale nel progetto bianconero, la campagna acquisti estiva lo dimostra. Sono arrivati giocatori pronti, maturi, esperti e di qualità. Da Milik a Di Maria, da Paredes a Pogba e Bremer, hanno tutti un chiaro stampo e sono tutte richieste di Allegri.”

Chi vedi come favorita in questo Mondiale?
“Io sono più per la Francia piuttosto che per le Sudamericane. Fino a ieri sera avrei detto in finale Argentina-Francia, ma ieri il Brasile mi ha impressionato. Si sono visti dei numeri di alta scuola, se dovesse mantenere questa qualità offensiva il Brasile comincia ad essere fastidioso”