Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / juventus / Serie A
LIVE TMW - Juventus, Allegri: "Pogba non ci sarà per un indolenzimento. McKennie voleva andar via"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
mercoledì 1 febbraio 2023, 14:30Serie A
di Simone Dinoi
fonte inviato all'Allianz Stadium
live

Juventus, Allegri: "Pogba non ci sarà per un indolenzimento. McKennie voleva andar via"

Diretta scritta su TUTTOmercatoWEB.com. Premi F5 per aggiornare!
14:00 - Massimiliano Allegri presenta Juventus-Lazio, gara valida per il quarto di finale di Coppa Italia, in programma domani alle 21 all’Allianz Stadium di Torino. TUTTOmercatoWEB.com vi riporta la conferenza stampa dell’allenatore bianconero, prevista per le ore 14:15, in diretta.

14:18 - Allegri prende posto in sala stampa: comincia ora la conferenza del tecnico della Juventus.

Che reazione vuole vedere dopo la sconfitta?
“I giocatori erano dispiaciuti e arrabbiati. Del campionato parleremo lunedì, domani è un’altra competizione però, bisogna concentrarsi su questa gara difficile contro una squadra che sta facendo ottime cose. È una partita secca e andrà giocata con questi canoni”.

Come sta la squadra?
“Siamo ripartiti da poco, abbiamo fatto poche gare dopo due mesi di sosta. Vero che c'è stato il mondiale ma a parte Rabiot e i due argentini sono usciti tutti prima. Non ho ancora deciso niente per domani, devo fare alcune valutazioni sulla formazione. A parte Bonucci che è ancora fuori l’unico che non sarà disponibile per un indolenzimento ai flessori è Pogba. Purtroppo quando sei fuori da tanti mesi e alzi il livello d’intensità vengono fuori dei dolori e quindi c'è bisogno di tempo”.

Bisogna aspettarsi qualcosa in più da giocatori come Paredes?
“Tutta la squadra domenica ha fatto una brutta prestazione nel primo tempo, la squadra ha fatto un buon secondo tempo dopo i cambi, compreso l'assetto, finendo con tanti tiri in porta. Però conta vincere le partite, noi non abbiamo vinto soprattutto perché abbiamo fatto un primo tempo dove nelle tre occasioni in cui il Monza s'è presentato ha fatto tre gol di cui uno annullato per poco. Paredes ha alternato partite buone a meno buone, ha giocato tanto all'inizio perché Locatelli è stato fuori. Aveva magari bisogno di allenarsi, questi mesi sono importanti e ci deve dare una mano come tutti quelli della rosa”.

Come sta Vlahovic?
“Dovrebbe giocare dall’inizio”.

Chiesa è pronto per giocare titolare?
“A parte Vlahovic che quasi sicuramente giocherà titolare, per gli altri devo decidere. La partita domani può durare 120 minuti e quindi le sostituzioni saranno ancora più importanti. Domattina dopo la rifinitura deciderò la formazione”.

Il tridente offensivo porta al ritorno della difesa a quattro?
“La soluzione Chiesa-Di Maria-Vlahovic è una soluzione che avevo in mente già dall’inizio, eravamo partiti per giocare così. Poi le vicissitudini del calcio, Pogba fuori, Di Maria un mese e mezzo dopo la partita, Chiesa che non rientra, portano a trovare un assetto diverso. I giocatori quando rientrano da tanti mesi per un infortunio, Chiesa 10 mesi e Pogba sono 6 mesi da luglio ma non gioca da aprile, si fa fatica, ci vuole un po’ di pazienza. Pogba scorsa settimana ha fatto una buona partita in allenamento, dopo una settimana ha avuto qualche indolenzimento e si deve riassestare, ci vuole un po’ di tempo. Così come è stato per Chiesa che si è fermato e ripartito, magari fra due-tre mesi sarà in condizioni ottimali. La squadra deve comunque mantenere un equilibrio che nelle ultime partite nei gol presi non abbiamo avuto”.

Un commento ai numeri del mercato italiano, anche parametrato a quello inglese?
“Sono cose oggettive. La Juve ha fatto un buon mercato, ha centrato gli obiettivi con McKennie che voleva andar via e si è trovata una bella soluzione. Aké è andato a giocare, Zuelli a Pisa, Pellegrini alla Lazio e magari troveremo domani. Inutile fare i paragoni col calcio inglese. Le 20 squadre italiane fatturano 2 miliardi, quelle di Premier League 8. Il rapporto è 1:4.".

Il fatto che sia una competizione diversa, senza penalizzazioni, quella di domani può aiutare?
“Partita importante con obiettivo diverso dal campionato. Dopo la reazione buona con l'Atalanta, perché venivamo dall'immediato dove ci hanno tolto 15 punti due giorni prima, poteva esserci un rebound e così è stato. Non sono alibi quelli dei 15 punti, ci penserà la società a vedere dove possiamo difenderci e cercare di farci ridare questi punti. Ma non dev'essere un alibi o una giustificazione, dobbiamo andare in campo e fare quanto occorre fare nel miglior modo possibile. Credo sia la prima volta che vengono tolti 15 punti dalla classifica, vai a letto da secondo o terzo e ti svegli che sei sotto. La partita di Coppa Italia va fatta nel migliore dei modi, faremo il massimo". 

Di Maria ha detto che è difficile rimanere concentrati. Un allenatore come allena questa parte? E come sta Cuadrado?
"Cuadrado è in grande forma, sta bene. Dopo la scossa ci vuole un attimo di riassestamento e bisogna essere bravi a farlo velocemente. Dobbiamo metterci nella testa che abbiamo dei mini obiettivi, siamo tredicesimi e dobbiamo raggiungere la dodicesima. Dobbiamo raggiungere chi ci sta davanti, un passo alla volta".

Pogba può tornare martedì e come se lo aspetta in questa stagione?
"Mi aspetto un contributo da un giocatore che da aprile ha fatto 15 giorni di preparazione, 45 minuti e poi si è fermato. I tempi sono quelli, serve che il suo corpo si riadatti e ci vorrà un po' di tempo. Magari farà mezz'ora, magari una partita, bisogna navigare a vista in queste situazioni. Sapendo che da qua alla fine bisognerà sfruttarlo nel miglior modo possibile a seconda dei momenti in cui starà bene".

Bremer come sta dopo le ultime gare in cui sembrava in difficoltà?
"Col Monza no, in generale tutti nel primo tempo, il secondo è stato fatto bene. Sta bene, come stanno bene tutti gli altri. Bisogna solo lavorare, fare e reagire. Fare qualcosa in più per ottenere il risultato".

14:30 - Termina ora la conferenza stampa di Massimiliano Allegri.