Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / juventus / Serie A
Il colpo mancato di gennaio: Cafferata e Maritz, i rimpianti della Juventus WomenTUTTO mercato WEB
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
venerdì 3 febbraio 2023, 08:30Serie A
di Tommaso Maschio

Il colpo mancato di gennaio: Cafferata e Maritz, i rimpianti della Juventus Women

Nel calcio femminile il colpo mancato è quello della Juventus, anche se le bianconere si sono poi consolate con Benedict Simon, classe ‘97, del Paris Saint-Germain. Il club bianconero visto l’addio scontato di Matilde Lundorf a gennaio era andata alla ricerca di un innesto in difesa prima puntando la terzina Federica Cafferata, in scadenza con la Fiorentina e lontana dal rinnovo con le viola, scontrandosi però con la volontà del club toscano che non ha voluto cederla rifiutando sia un paio di scambi, fra cui uno proprio con la danese, sia un’offerta cash. La classe 2000 sarà quasi certamente bianconera in estate, ma per gennaio si tratta di un affare sfumato.

L’altro nome sondato è stato quello di Noelle Maritz, classe ‘95 Arsenal, che proprio a Londra era stata allenata dall’attuale tecnico bianconero Joe Montemurro.

La nazionale svizzera aveva dato il suo ok, essendo una delle 5-6 giocatrici che avevano legato di più col mister e una di quelle che lo stesso tecnico australiano vorrebbe portare con sé a Torino nonostante il budget delle due squadre sia ben diverso a favore delle Gunners. Il club londinese però ha chiuso la porta, sia per il poco tempo a disposizione per trovare una sostituta adeguata sia perché ritiene la giocatrice, giustamente, un tassello importante della squadra che è ancora in corsa in Women’s Champions League. Chissà che in estate la Juventus non ci riprovi e riesca a mettere a segno un colpaccio con sei mesi di ritardo.