Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / juventus / I fatti del giorno
Inter, colpo grosso al Maradona: Barella guida il controsorpasso sulla JuveTUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
lunedì 4 dicembre 2023, 00:54I fatti del giorno
di Ivan Cardia

Inter, colpo grosso al Maradona: Barella guida il controsorpasso sulla Juve

Colpo grosso al Maradona. In casa dei campioni d'Italia in carica, l'Inter piazza un 3-0 che ha il retrogusto abbastanza definito di scudetto e consente agli ospiti di mettere nuovamente la freccia. In classifica e non solo, i nerazzurri mettono in campo una risposta bella e convincente alla Juventus, che venerdì di testardaggine aveva superato il Monza, scavalcando di nuovo la Vecchia Signora al vertice del campionato.

Barella e Sommer da 8. Tanti protagonisti, nessun insufficiente: è la fotografia della coralità del successo in casa del Napoli. I migliori in campo, tra porta e centrocampo: 8 in pagella al centrocampista italiano, autore della sua prima rete stagionale, e al portiere svizzero, che sale a nove clean sheet in questo campionato. Uno in più di quanto ottenuto da Onana in tutta la scorsa edizione della Serie A.


Inzaghi si gode il successo. Otto, per la cronaca, anche a Simone Inzaghi, che rifugge chi dice che l'Inter ammazzerà il campionato: "Domani scriveranno che l'Inter non ha rivali, mercoledì sul 3-0 a fine primo tempo stavano preparando altri articoli probabilmente - dice nel post partita - abbiamo rischiato sulla traversa di Politano e la parata di Sommer, ma ho abbracciato i ragazzi perché se lo meritano, avevamo bisogno di una prova così".