Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / juventus / Euro 2024
Fabian Ruiz: "Con l'Italia gara particolare. Felice per lo Scudetto vinto a Napoli da Spalletti"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
mercoledì 19 giugno 2024, 21:22Euro 2024
di Raimondo De Magistris
fonte Dal nostro inviato alla Veltins-Arena di Gelsenkirchen

Fabian Ruiz: "Con l'Italia gara particolare. Felice per lo Scudetto vinto a Napoli da Spalletti"

Premere F5 per aggiornare la pagina
20.06 - Con il commissario tecnico de la Fuente, ci sarà il centrocampista Fabian Ruiz in conferenza stampa per analizzare Spagna-Italia, sfida valida per il gruppo B di Euro 2024.

20.58 - Ha inizio la conferenza stampa.

Che nome dovresti avere per essere considerato un grande calciatore?
"Io mi chiamo Fabian, sono fiero del mio nome e del fatto di essere spagnolo".

Hai conosciuto Spalletti, cosa ti aspetti da lui? Ti è dispiaciuto aver visto solo a distanza lo Scudetto?
"Credo che il ct abbia fatto un ottimo studio di Spalletti, non ho dovuto dire nulla. Sappiamo l'allenatore forte che è, vuole pressare alto e rubare la palla. Mi aspetto la solita Italia, forte e aggressiva, con un bel lavoro della palla. Sarà una gara molto difficile, bisognerà essere concentrati dal primo minuto. Per il Napoli sono stato molto contento per la vittoria dello Scudetto, ho tanti amici lì e provo un grande affetto per quella realtà. Sono felice per tutti i giocatori che hanno vinto lo Scudetto".

Cosa significherebbe per te vincere l'Europeo?
"Siamo in un ottimo momento di forma, lotteremo per questo quarto successo continentale. Alla fine del torneo speriamo di essere presenti per alzare il trofeo".

Come sei migliorato per continuare a importi come titolare?
"Luis Enrique e de la Fuente si somigliano, vogliono avere il possesso palla e fare un pressing aggressivo. Negli ultimi mesi con Luis Enrique non sono riuscito a essere convocato in nazionale, ma io con lui al PSG sono molto contento. Qui de la Fuente ha sempre riposto grande fiducia in me, gli sono molto grato e riconoscente".

Pensi che la Spagna possa essere considerata come una delle grandi favorite per la vittoria finale?
"Non so se siamo tra le favorite, noi non ci vediamo come favoriti ma abbiamo tanta fiducia nei nostri mezzi. Abbiamo il potenziale per andare fino in fondo, in campo faremo di tutto per far sì che questo sogno possa diventare realtà. Non sarà facile, ci sono tante squadre forti ma faremo di tutto per provare ad arrivare in fondo".

Com'è Yamal come compagno di squadra?
"Tutto il mondo sa il grande calciatore che è. Ha soltanto 16 anni, anche se in campo non si vede. E' uno dei punti di forza di questa squadra, è un giocatore molto verticale e fortissimo nell'uno contro uno. Speriamo domani possa disputare una grande partita".


L'Italia è la squadra campione in carica e tra le favorite. Come vede questa nazionale italiana?
"Sappiamo che giocatori ha l'Italia, sappiamo che è sempre molto competitiva in ogni torneo e che sarà una gara molto tosta. Ha dei giocatori molto importanti, tanta qualità e sarà una gara molto equilibrata. E' anche molto forte sul piano tattico, a Spalletti piace avere il controllo del gioco. Sarà una partita molto equilibrata. Favorita? Saprò dirlo verso la fine del torneo, ci sono tante squadre che possono arrivare in fondo".

Si parla molto dell'evoluzione dello stile del calcio spagnolo. Tu sei d'accordo?
"Lo stile è simile, ci piace il possesso palla. La Spagna è caratterizzata da giocatori di qualità che vogliono la palla, ma il nostro ct insiste sul fatto che vuole giocare verticale per raggiungere più rapidamente l'area avversaria. Lo proviamo molto in allenamento e ogni volta che ci avviciniamo all'area di rigore cerchiamo di tirare".

Il pari dell'Albania ha spianato un po' la strada
"Non guardiamo molto le altre, noi cerchiamo di vincere ogni partita. Ogni volta che scendiamo in campo vogliamo vincere, non guardiamo le altre. E' importante dare il massimo in campo e portare a casa i tre punti per conquistare il passaggio del turno".

Che emozione hai provato dopo il gol con la Spagna all'Europeo?
"Ogni volta che indosso questa maglia provo una sensazione particolare, ho ricevuto tantissimi messaggio dai miei cari e dai miei amici. Ero molto contento del gol per la mia nazione in un torneo così importante, spero non sia l'ultimo".

Visto il tuo passaggio al Napoli, provi qualcosa di diverso nella sfida contro l'Italia?
"Giocare contro l'Italia e contro una squadra italiana è per me speciale, adoro quel paese. E' una gara particolare per me, giocherò contro ex compagni di squadra e anche contro un allenatore con cui ho lavorato. Sono molto legato all'Italia, spero di poter avere domani sera buoni ricordi dopo aver vinto la sfida".

I giocatori stranieri vengono valorizzati di più rispetto ai nostrani in Spagna. E' così?
"Io sono molo fiero di essere spagnolo e di portare il nome di Fabian Ruiz, è importante valorizzare tutto ciò che abbiamo in patria. Abbiamo tante cose positive e i nostri giocatori fuori dai confini spagnoli sono molto apprezzati. Non dobbiamo sottostimarci".

21.17 - Conclusa la conferenza stampa.