Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
tmw / juventus / Serie A
La risposta di Cuadrado e le idee della Juve: il clima non è più quello di una voltaTUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
mercoledì 8 giugno 2022, 06:45Serie A
di Simone Dinoi

La risposta di Cuadrado e le idee della Juve: il clima non è più quello di una volta

Un caso, piccolo o grande che sia, ma sicuramente una situazione da monitorare da qui alle prossime settimane. Juan Cuadrado e la Juventus si stimano tantissimo e sono consapevoli di quanto siano stati importanti l’un per l’altra in questi anni torinesi del colombiano, ma da qualche mese a questa parte è sorto più di qualche disguido nella gestione dei prossimi anni da vivere assieme.

Il rinnovo automatico, la volontà della Juve non corrisposta dal colombiano.
Per comprendere al meglio la situazione tocca riavvolgere il nastro all’indietro fino allo scorso aprile quando con la presenza numero 40 (chiuderà poi la stagiona 45) ottenuta nella vittoria di Cagliari si attiva la clausola che prevede il rinnovo di contratto di un anno del colombiano con la Juventus. Tutto nella norma, si direbbe. Il dettaglio, che dettaglio non è, è che nelle idee della dirigenza bianconera ci sia una politica, evidentemente in atto, di riduzione del monte ingaggi che avrebbe coinvolto anche l’ex Chelsea con un allungamento al 2024 a cifre più contenute rispetto ai circa 4,5 milioni dell’attuale accordo. Qui l’incomprensione fra le parti con due differenti pensieri che logicamente portano in direzioni differenti.

Cuadrado non ci sta ma il clima non è più sereno come un tempo.
A intervenire, attraverso i propri social, è stato direttamente l’esterno classe 1988: “Io mi sento molto bene alla Juventus, in nessun momento ho rifiutato nessuna proposta, perché mai c’è stata nessuna trattativa. Ho grande rispetto per il mio club e per i miei compagni”. Un messaggio criptico che però non ha fatto troppo piacere alla Juventus. Va da sé dunque che il clima non è più quello di un tempo: da un lato le convinzioni dall’alto della sua terza stagione consecutiva da almeno 40 presenze e con un’importanza tecnico-tattica madornale per la squadra (quest’anno 4 gol e 5 assist, lo scorso il record di 19 assist ma unico, assieme al già salutato Dybala, capace di costruire pericoli dal nulla); dall’altro i nuovi parametri economici del club che non fanno sconti a nessuno. In tutto ciò, il meno felice di tutti è Massimiliano Allegri ben consapevole di quanto il Jolly Cuadrado sia oggi indispensabile per questa Juve. Occhio alle sorprese, sempre se di sorprese ormai si possa trattare.