Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / latina / Serie C
La Top 11 del Girone C di serie C: Castellini salva la panchina di LucarelliTUTTO mercato WEB
Alessio Castellini
mercoledì 21 febbraio 2024, 07:10Serie C
di Luca Esposito

La Top 11 del Girone C di serie C: Castellini salva la panchina di Lucarelli

E’ andata in archivio la 27^ giornata nel Girone C di Serie C. Questi i risultati:
Giugliano-ACR Messina 1-0
Monopoli-Latina 0-1
Audace Cerignola-Monterosi 1-2
Catania-Juve Stabia 2-0
Crotone-Taranto 2-2
Picerno-Benevento 1-2
Avellino-Casertana 2-1
Brindisi-Foggia 0-2
Sorrento-Virtus Francavilla 1-0
Turris-Potenza 1-0

Di seguito la TOP 11 di TuttoMercatoWeb.com che opta per il 4-3-3:


Ghidotti (Avellino): la stampa nazionale gli ha attribuito un 7,5 che certifica il suo ottimo stato di forma. Ha avuto il merito di accantonare da subito le polemiche post Juve Stabia confermandosi un buon portiere a suon di parate decisive. Bravo due volte su Tavernelli.
Salines (Foggia): segue l'azione e ha il merito di crederci, quasi come se intuisse in anticipo che la respinta del portiere sul tiro di Santaniello sarebbe finita sui suoi piedi. Da pochi passi è un gioco da ragazzi insaccare lo 0-2. E' un premio alla caparbietà e alla sua voglia di non arrendersi mai.
Rigione (Avellino): se leggiamo i nomi che compongono il pacchetto arretrato biancoverde, vien da chiedersi come possano i lupi aver subito tanti gol in determinate fasi della stagione. Lui è uno di quei calciatori che giocherebbe ad occhi chiusi in cadetteria. Grande partita contro la Casertana, la sua personalità è stata essenziale per tornare alla vittoria.
Cargnelutti (Giugliano): Rosafio e Plescia hanno fatto ottime cose nelle ultime partite e la difesa dei campani aveva l'obbligo di tenere alta la guardia per evitare problemi. Ne vien fuori una prova autorevole, di spessore, con tanto di clean sheet e tanti interventi determinanti del centrale numero 28.
Castellini (Catania): un difensore che beffa due volte una delle retroguardie meno battute di tutti i campionati professionistici. Il calcio sa scrivere storie davvero belle e interessanti. Di testa e poi di piede, su assist di Cicerelli: il man of the match che non ti aspetti. Quello che, forse, salva la panchina di Lucarelli che si è lasciato andare a un'esultanza liberatoria in versione ultras.
Parlati (Monterosi): l'Audace Cerignola è una squadra che fa della rapidità la sua arma migliore. E' dunque bravissimo e strategicamente intelligente il numero 18 a gestire il pallone eludendo la pressione avversaria e dettando i ritmi a piacimento.
Carfora (Benevento): prima gioia per il centrocampista giallorosso, calciatore sul quale la società ha sempre puntato e che sta ripagando la fiducia dello staff tecnico e della dirigenza a suon di prestazioni convincenti. La rete sul campo del Picerno tiene vivo il sogno promozione diretta.
Rocca (Avellino): partita di grande sostanza da parte del centrocampista, molto presente nella metà campo avversaria nella prima mezz'ora e poi bravo ad abbassare il baricentro per supportare la difesa. C'è tanto di suo nei tre punti conquistati contro la Casertana.
D'Orazio (Latina): trafigge Gelmi con un destro dai 20 metri che si insacca quasi all'incrocio dei pali. Un gol bello quanto pesante, favorito anche da un banale errore in impostazione di Angileri. Sfiora la doppietta al 75', quando arriva con un pizzico di ritardo su un cross di Ercolano.
Patierno (Avellino): capitalizza al massimo un bel cross di Sgarbi, brucia tutti sul tempo e la mette all'angolino laddove il portiere non può proprio arrivare. Sbloccarla dopo 120 secondi ha restituito serenità a squadra, ambiente e tifoseria.
Kanoute (Taranto): sta diventando devastante, altra scommessa vinta da un allenatore esperto come Capuano. La sua squadra ha fallito l'inverosimile davanti al portiere, ci ha pensato lui con una meravigliosa doppietta a stendere la difesa del Crotone. Re Mida
Gaetano Auteri (Benevento): il suo arrivo in panchina ha portato la scossa necessaria, con lo scontro diretto ancora da giocare (tra l'altro in casa) c'è ancora tempo per sognare la promozione diretta. La squadra si è calata nella mentalità della categoria: è questo il merito principale.