Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
tmw / lazio / News
Fiorentina, scoppia il caso Duncan: la lettera in cui parla di discriminazioneTUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
sabato 28 maggio 2022, 14:25News
di Daniele Rocca
per Lalaziosiamonoi.it
fonte LaPresse

Fiorentina, scoppia il caso Duncan: la lettera in cui parla di discriminazione

"E' giunto il momento di salutare la Nazionale. Il mio cuore è triste perché avrei voluto scrivere un pezzo di storia con la Nazionale ghanese ma non mi hanno mai dato la possibilità di dimostrarlo". Inizia così una lunga lettera di Alfred Duncan, pubblicata sul sito ufficiale della Fiorentina, con cui il centrocampista annuncia con profonda amarezza il suo addio alla nazionale del Ghana. "Quando non sei mai considerato e non c'è nulla che tu possa fare per cambiare la situazione, mentalmente diventa tutto più difficile. Sono stato umiliato, discriminato e lasciato da parte per anni anche se ho cercato di lasciare le porte sempre aperte. Purtroppo non posso continuare a stare male pensando a come vengo trattato ingiustamente sapendo di avere la coscienza pulita. Fino a qualche anno fa ero il giocatore ghanese con le migliori prestazioni e con più presenze nei campionati più prestigiosi ma non sono mai stato considerato in Nazionale. Recentemente ho rifiutato alcune convocazioni perché ritengo un insulto chiamarmi quando fa comodo a qualcuno senza considerare il mio sentimento da essere umano che fa dei sacrifici nel proprio lavoro", si legge ancora nella missiva.