Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / lazio / News
Lazio, Brevi racconta Lazzari: "Professionista esemplare e grandi qualità"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
mercoledì 21 febbraio 2024, 21:30News
di Andrea Castellano
per Lalaziosiamonoi.it

Lazio, Brevi racconta Lazzari: "Professionista esemplare e grandi qualità"

Manuel Lazzari è ormai un veterano nella rosa della Lazio. Voluto da Inzaghi come esterno nel 3-5-2, dopo un paio d'anni è finito a fare il terzino nel 4-3-3 di Sarri. Con il tempo si è adattato dando sempre il massimo per i colori biancocelesti. È partito dalla Spal, in Serie C, dove è stato allenato anche da Oscar Brevi, ex tecnico tra le altre di Catanzaro, Cremonese, Fano e Como che ai microfoni di TvPlay ha raccontato la carriera del difensore dal suo punto di vista. Di seguito le sue dichiarazioni.

"Manuel Lazzari? (Brevi lo ha allenato alla Spal nella prima parte della stagione 2014-15 in Serie C, ndr) Stiamo parlando prima di tutto di un grande professionista, nel senso che è sempre attento e reattivo su quanto gli viene detto. Si allena sempre al massimo. Quell’anno lì io l’ho avuto in fase alterne perché aveva un piccolo problema fisico. Considerate le sue caratteristiche eravamo partiti con il 4-4-2, poi ho scelto di passare al 3-5-2 in modo tale che lui potesse fare tutta la fascia. Ha tantissima velocità e buona tecnica. La sua capacità aerobica è sempre stata importante, così come la sua facilità di saltare l’uomo e andare al cross. Peccato per quell’anno, eravamo partiti molto bene poi perdemmo qualche match di troppo e a dicembre la proprietà decise di esonerarmi. Lazzari, comunque, poi giustamente ha costruito al meglio la sua carriera riuscendo ad arrivare in una grande squadra come la Lazio e potevo prevederlo perché aveva davvero qualità, sia fisiche che mentali, per fare il calciatore ad alto livello”.