Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / lazio / News
Lazio, Gregucci: "È finita un'era, adesso bisogna dare tempo a Baroni"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
martedì 18 giugno 2024, 13:00News
di Andrea Castellano
per Lalaziosiamonoi.it

Lazio, Gregucci: "È finita un'era, adesso bisogna dare tempo a Baroni"

La Lazio sta vivendo un periodo di cambiamento totale, dal cambio in panchina alle cessioni dei grandi big nelle ultime due estati. A questo proposito l'ex calciatore biancoceleste Angelo Gregucci è intervenuto ai microfoni di Radio Radio per parlare di questa situazione, soffermandosi sulla stagione che dovrà affrontare il nuovo tecnico Marco Baroni. Queste le sue parole in merito.

“Un momento di rifondazione, sarei cauto con i giudizi. L’era di Milinkovic, Alberto e Anderson è finita. Questa è la stagione peggiore per dare giudizi. Di sicuro è in atto una rifondazione. Professionista eccellente, persona eccellente, negli ultimi due tre anni ha fatto benissimo a Lecce e soprattutto a Verona. A volte lottare per non retrocedere è molto più complicato che lottare per vincere. Per quel che riguarda il lavoro psicologico sul gruppo, la capacità di dare solidità è stato eccellente negli ultimi tre anni. Io rimarrei alla realtà oggettiva. La Lazio è obbligata a sostituire dei giocatori importanti con degli altri giocatori importanti. Io penso che la Lazio per degli anni ha avuto il miglior centrocampo del campionato. Quindi per andare a sostituire questi calciatori bisogna fare delle operazioni importanti. Poi bisogna vedere in campo come rendono. Perché giocare a Verona è una cosa, giocare a Roma è un’altra cosa”.

“Io ricordo perfettamente che all’inizio l’esperienza di Inzaghi elementi determinanti per la gestione di una squadra che aveva delle difficoltà sapete qual è secondo me la prima difficoltà di Inzaghi e che aveva giocato con 5, 6, 7 giocatori. Quindi il lavoro di Angelo Peruzzi in gestione era determinante. Per far sì che una squadra abbia dei risultati ci sono tante componenti che intervengono. Quando c’è un allenatore che viene e rompe dal settore giovanile va alla prima squadra e si trova una persona come Angelo Peruzzi. Quindi bisogna anche dar del tempo a Baroni. Primo, per assemblare una squadra. Secondo, per dargli grandi motivazioni. Terzo, gli obiettivi della Lazio sono ancora europei”.