Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCagliariEmpoliFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdineseVenezia
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVeneziaVirtus Entella
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSports
tmw / lazio / Serie A
LIVE TMW - Cagliari, Mazzarri: "Serve più cinismo, conta la cultura della vittoria di squadra"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
martedì 21 settembre 2021 13:01Serie A
di Francesco Aresu
live

Cagliari, Mazzarri: "Serve più cinismo, conta la cultura della vittoria di squadra"

Il tecnico del Cagliari Walter Mazzarri interverrà a breve in conferenza stampa (via Zoom) per presentare la sfida di domani sera all'Unipol Domus tra i rossoblù e l'Empoli. L'inizio della conferenza è previsto per le 12.30.

12.30 – Inizia la conferenza stampa.

In pochi giorni è riuscita a dare una scossa ai suoi ragazzi: da cosa vuole ripartire domani?
"Sicuramente l'aggressività in fase difensiva, al di là degli aspetti troppo tecnici. Sicuramente anche l'atteggiamento, che purtroppo abbiamo cambiato nel finale di gara: dovevamo restare sempre attivi, con la difesa che doveva salire qualche volta in più. Ma credo che quando si creano 6-7 palle gol contro uno squadrone come la Lazio, dovremo essere più cinici e a tradurle in gol".

Quanto si fa sentire la stanchezza? Ci saranno cambi rispetto alla formazione di domenica?
"Avendo l'esperienza delle Coppe, so quanto incidano tre partite in una settimana. Ora non c'è tempo, ma faremo nella sosta faremo tutti i test fisici che di solito facciamo quando si parte da inizio stagione e non da subentranti. Ieri abbiamo fatto un defaticante, stasera faremo una rifinitura: il mio lavoro sarà capire, uno a uno, chi sarà in grado di giocare di nuovo domani. Dipende più dai ragazzi, dai preparatori e dallo staff medico sapere il minutaggio che potranno avere".

L'Empoli fa parte del suo vissuto: cosa pensa del suo avversario?
"Quando alleno una squadra ne sono il primo tifoso. Dell'Empoli posso dire bene, a livello societario e tecnico: è vero che ne hanno perso 3 in casa, ma l'unica vinta l'hanno vinta contro la Juventus. Sarà una partita difficilissima, ma io ho detto ai ragazzi che dobbiamo pensare a noi e basta: se affronteremo domani l'Empoli con la stessa adrenalina e aggressività vista domenica, probabilmente riusciremo a non farli ragionare. L'avversario deve interessarci dal punto di vista tattico, perché ogni giocatore deve vincere i suoi duelli, ma non dobbiamo pensare alla classifica dato che mancano ancora 34 partite. Ma questa sarà la mentalità che voglio dalla mia squadra, spero domani di avere i tifosi dalla nostra parte e avere un dodicesimo uomo in campo, che ci dia una mano finché dura la partita. Noi daremo anima, cuore e pure qualcosa in più".

Ha qualche preoccupazione dal punto di vista della tenuta atletica?
"Ho troppo rispetto per chi c'era prima, dovrò aspettare i test. Ma ci sono 5 cambi, bisogna sapersi adattare alle situazioni".

Su Caceres, visto dalla tribuna quasi come un suo vice dopo la sostituzione.
"Questo è lo spirito che voglio, Martin è stato magnifico perché ha partecipato attivamente dopo essere stato sostituito. Oltre, ovviamente ad aver fatto una buona gara in campo, pur condizionato dal giallo. È stato bravo, in campo e fuori. Ai ragazzi ho detto: siete 23-24 in gruppo, voglio che ognuno sia il primo tifoso dei propri compagni. Se mi accorgo di qualcuno col muso, che mugugna ed è dannoso per il gruppo, sono pronto a metterlo fuori rosa. I più esperti devono dare l'esempio, come ha fatto anche Pavoletti".

Cos'è successo con Joao Pedro al momento del cambio?
"Ci tengo a rispondere: lo sfogo di Joao, che ha già promesso di non rifarlo più, vi posso assicurare che non era per il cambio. Va benissimo lo sfogo, magari eviterei situazioni eclatanti. Joao era arrabbiato perché avevamo preso il 2-2 e ha dimostrato di avere il mio stesso spirito, ha detto cose giuste ma ha sbagliato il modo. Se voi andate a vedere quello che ho detto nel post partita, erano le stesse cose: ci siamo abbassati troppo, dovevamo essere più cinici. L'unico errore è stato soltanto sottolinearlo in quel modo, ma era a sangue caldo".

Come sta Strootman?
"Ci devo parlare più tardi, così come con Godin. Vedremo come stanno, le convocazioni verranno fatte più tardi per questo".

Come vede Gaston Pereiro in campo?
"Lui stesso ancora non ha chiaro quale sia il suo ruolo: può fare tanti i ruoli, ma deve trovare la sua dimensione. Io ho la sensazione che possa fare anche la punta, imparando movimenti che per ora non conosce. Può fare l'esterno a piede invertito, alla bisogna può fare anche la fascia. Io l'ho messo seconda punta, purtroppo non solo per colpa sua non è entrato nel vivo del gioco".

Che consigli ha dato a Carboni per il finale di partita?
"Dunque, Carboni è partito centrale. Come Lykogiannis ha chiesto il cambio, l'ho dovuto spostare a terzino sinistro e non aveva capito bene cosa volevo. Tutta la catena di sinistra ha chiesto il cambio. Carboni si accentrava troppo, quasi a fare il centrale e ad avere una difesa a 6, ma ci sta: ancora il gruppo non ha sposato il coraggio che voglio io, ma è normale quando una squadra viene tradizionalmente dal vivere la lotta per non retrocedere".

Domani difesa a 4 o difesa a 3?
“Se permette domani vedrete, non voglio dare vantaggi a una rosa che domani ha vinto contro la Juventus. In generale è importante che ci siano dei meccanismi difensivi utili, poi in fase di possesso dobbiamo fare molto gioco. Con me sentirete parlare di fase difensiva (dove voglio attenzione e aggressività), transizione (dove tutti vincono le partite) e fase attiva”.

Cosa si aspetta dalla coppia Joao Pedro-Keita?
"Che continuino a fare quello che hanno fatto domenica, per tutti i 90 minuti, ma sugli schemi offensivi abbiamo partecipato con tanti giocatori. Joao e Keita possono migliorare anche nel cinismo e possono anche fare degli assist, ma tutti devono migliorare in cinismo e concretezza, a prescindere dagli attaccanti: certo, loro sono preposti a fare gol, ma conta soltanto la cultura della vittoria di squadra, bisogna chiudere le gare con un gol segnato in più rispetto all'avversario. Questo è il principio che devo inculcare ai miei giocatori".

Empoli e Cagliari, sono due squadre della stessa fascia o questo Cagliari ha qualcosa in più?
“Lo sapete meglio di me, nel calcio attuale si sono trovate a lottare per la retrocessione tante squadre attese ad altri risultati, e non voglio fare nomi. E spesso c’era anche il Cagliari. Dall’ottavo posto in poi ci sono tante squadre sullo stesso piano. Potrei rispondere a questa domanda alla fine del girone d’andata, per adesso guardate a ogni singola partita, alla fine fine del girone d’andata con il mercato capiremo davvero il nostro traguardo possibile”.

13.03 – Termina la conferenza stampa.
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2021 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000