Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / lazio / Serie A
Lazio di nuovo rimontata: sono 16 i punti persi. E Sarri punzecchia la societàTUTTO mercato WEB
© foto di Federico De Luca
mercoledì 28 febbraio 2024, 06:45Serie A
di Riccardo Caponetti

Lazio di nuovo rimontata: sono 16 i punti persi. E Sarri punzecchia la società

Sei rimonte subite in campionato. Due nell’ultima settimana, in due scontri diretti per la Champions. La Lazio crolla - mentalmente, fisicamente, tatticamente - a Firenze dopo essere passata, non in modo meritato, in vantaggio a fine primo tempo. Luis Alberto illude, Kayode e Bonaventura riportano la squadra di Sarri con i piedi per terra. Senza stabilità, però. Perché la classifica piange, le prestazioni forse peggio e alcuni dati non sono all’altezza della Lazio. Il primo è quello delle rimonte: i biancocelesti hanno perso 16 punti dopo essere andati avanti sul punteggio (Lecce, Monza, Salernitana, Verona, Bologna e Fiorentina). Non ha mai rimontato in trasferta, Sarri, e la sua squadra ha perso 10 partite in questo campionato. Non proprio un ritmo da Champions.



La tensione nel mondo Lazio è palpabile. Luis Alberto dopo la partita ha chiesto alla squadra di parlare meno e allenarsi di più. Sarri invece è sembrato remissivo (“la nostra mentalità non è all’altezza”) e soprattutto ha lanciato una frecciatina molto diretta alla società. Quando gli hanno chiesto perché alcuni giocatori sono spariti dai radar e altri non sembrano funzionali, il tecnico ha risposto così: “Ognuno si prenda le sue responsabilità. La società a luglio è stata chiara su chi faceva il mercato. Se io chiedo A e tu mi fai scegliere tra C e D è abbastanza chiaro. Ma questo non rientra nel discorso di stasera. Prestazione brutta, non ci ha scosso nulla, il rigore sbagliato, il vantaggio immeritato, lo svantaggio”. Chissà se la sconfitta di ieri possa essere uno spartiacque anche per il futuro di Sarri.