Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / lazio / Serie A
ESCLUSIVA TMW - Accardi: "Milan, mandando via Maldini il problema non è stato risolto"TUTTO mercato WEB
© foto di Alessio Alaimo
giovedì 30 novembre 2023, 19:30Serie A
di Daniel Uccellieri
fonte Intervista a cura di Niccolò Ceccarini
esclusiva

Accardi: "Milan, mandando via Maldini il problema non è stato risolto"

L'agente Beppe Accardi ha parlato in esclusiva ai microfoni di TuttoMercatoWeb.com di molti argomenti, a partire dalla situazione del Milan: "La squadra rossonera ad oggi ha una rosa un po' corta. Al Milano mancano giocatori in grado di fare il salto di qualità, ma oggi il Milan soffre anche un altro problema, ovvero quello di far quadrare i conti. Pioli è sul banco degli imputati ma sta facendo il massimo, perché non ha più la rosa delle passate stagione".

Maldini ha pagato in estate, pagherà qualcuno adesso in casa Milan?
"Questa è una brutta abitudine che abbiamo in Italia, quella di andare a cercare un responsabile. Maldini aveva fatto un grandissimo lavoro, ma purtroppo in Italia dobbiamo cercare per forza un responsabile. Mandando via Maldini non è stato risolto il problema, anzi, è stato complicato. Ogni campionato ha delle caratteristiche particolari: quando arrivi da un altro paese per gestire un'azienda, lo devi fare come si fa in quel paese e non in quello da cui provieni".

Sudakov per la Juve?
"È un giocatore importantissimo, ma anche la Juventus sta cercando di far quadrare i bilanci. Noi in Italia vogliamo sempre vincere, poi ci lamentiamo de le squadre vanno in default".

Ti aspettavi la Juve al secondo posto? Allegri resterà?
"Non so se continuerà ad essere l'allenatore della Juve anche in futuro, ma a fine stagione Allegri sarà nelle zone alte della classifica. Un buon allenatore deve gestire tantissime cose, non solo i giocatori. Allegri in questo è bravissimo. Questa Juventus è diversa, anche con una dirigenza diversa. Tante volte tutti sparano sull'allenatore, ma se non hai un ambiente buono alle spalle e devi caricarti la croce sulle spalle, diventa dura. Tutti guardano ai risultati, nessuno si ferma a guardare cosa c'è dietro".

Sarri bene in Champions, così e così in campionato
"Probabilmente sta puntando tutto sulla Champions, fare due competizione è stancante e problematico".


Ti aspettavi il ritorno di Mazzarri?
"No, ma credo sia stata la scelta migliore. Mazzarri a Napoli ha fatto benissimo, torna rigenerato dopo un periodo di sosta. È tornato un allenatore pieno di stimoli e pieno di voglia, con un sorriso diverso, può fare benissimo".

Juric in scadenza con il Torino. Può essere un problema per il Torino?
"Sono luoghi comuni. Se un giocatore non capisce che fare risultato può essere un vantaggio anche per la sua carriera, allora forse abbiamo a che fare con giocatori poco intelligenti. Chi gioca meno deve lavorare di più per guadagnarsi il posto".

Colpani potrebbe fare comodo alla Roma?
"Grande giocatore, è già pronto per una grande squadra perché ha già l'intelligenza di un grande giocatore. Può già giocare nelle prime cinque squadre di Serie A. Ha tutto, ha gamba, ha corsa, ha tempi di inserimento, si mette a disposizione. È quello che serve alle grandi squadre".

Ti aspettavi l'esplosione di Soulé?
"Non me l'aspettavo, complimenti a chi lo ha fatto giocare e migliore. Ovviamente è stato bravissimo anche Angelozzi che lo ha preso. Quando uno vive di calcio, ha il coraggio di fare grandi cose.

Da addetto ai lavori, che idea si è fatto dei tanti trasferimenti in Arabia?
"Non ci sono dubbi, i giocatori sono andati in Arabia solo per una questione economica. Se fa una scelta di questo tipo, devi portare anche rispetto ad un paese che ti ha coperto di soldi. Nei prossimi anni il calcio arabo subirà una crescita fisiologica, con i club che andranno a cercare anche giovani di prospettiva.