Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniRisultati
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaBresciaCagliariFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanNapoliParmaRomaSampdoriaSassuoloSpalTorinoUdinese
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoCasertanaCataniaCatanzaroCesenaChievoFidelis AndriaGiana ErminioJuve StabiaLatinaLivornoNocerinaPalermoPerugiaPescaraPisaPordenonePotenzaRegginaSalernitanaSienaTernanaTrapaniTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionali
tmw / lecce / Serie A
FOCUS TMW - Giocare o fermarsi? Ecco la posizione di tutti i 20 club di Serie ATUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
giovedì 09 aprile 2020 08:00Serie A
di Lorenzo Di Benedetto
focus

Giocare o fermarsi? Ecco la posizione di tutti i 20 club di Serie A

La premessa è ovvia ma comunque importante: l'ipotesi di tornare a giocare riguarda solo ed esclusivamente uno scenario in cui la crisi sanitaria dovuta alla diffusione del Coronavirus sia alle spalle da diversi giorni e le condizioni di sicurezza per calciatori e non, totalmente garantite. Una ipotesi che comunque sta dividendo la Serie A, con diverse società italiane pronte a ricominciare in caso di ok da parte degli organi preposti, ed altre che invece, per motivi disparati, sono più per la sospensione definitiva del campionato con tutte le problematiche del caso (assegnazione titolo, qualificazione per le coppe europee, retrocessioni, etc). L'intervento del presidente della FIGC Gravina certifica l'intenzione del mondo del calcio di tornare in campo, magari dalla seconda parte di maggio (qui l'intervista integrale). Abbiamo analizzato le posizioni delle venti società di Serie A al riguardo, ponendo una semplice domanda: favorevoli a riprendere a giocare una volta cessata l'emergenza o alla fine anticipata della stagione?

ATALANTA - Non si espone
- La Dea è quarta in campionato e ai quarti di finale di Champions League, quindi una fine anticipata della stagione non sarebbe certo un problema dal punto di vista sportivo, né da quello economico. In questo momento comunque la società non si è sbilanciata, anche se giova ricordare l'appello fatto dagli ultras per la fine delle ostilità.

BOLOGNA - Riprendere a giocare una volta cessata l'emergenza
- La posizione del club felsineo è molto chiara ed è stata nuovamente esplicitata dal dirigente rossoblù Marco Di Vaio: "La nostra preferenza va al ritorno in campo, se le condizioni di sicurezza lo permetteranno, magari anche ricominciando a giugno. Sarebbe bello dare alle persone la possibilità di dare un po' di svago guardando la squadra che tifano".

BRESCIA - Chiudere la stagione anticipatamente
- Altrettanto chiara è l'idea del patron delle Rondinelle Massimo Cellino, che in questi giorni ha ribadito: "Se ci costringono a riprendere, sono disposto a non schierare la squadra e perdere tutte le partite a tavolino per rispetto dei cittadini di Brescia e dei loro cari che non ci sono più".

CAGLIARI - Riprendere a giocare una volta cessata l'emergenza
- La posizione del club sardo è allineata a quelle di Brescia e Bologna: c'è voglia di riprendere a giocare, ovviamente solo e quanto l'emergenza sanitaria sarà finita. Tuttavia Tommaso Giulini, patron dei rossoblù, non si è sbilanciato: "Da una parte vorrei tornare a giocare domani, ma dall’altra vedo tanto dolore e sofferenza negli ospedali".

FIORENTINA - Non si espone
- La società viola ha scelto di aspettare le decisioni del Governo, senza prendere una vera posizione sull'eventuale ripresa del campionato. In questi giorni tuttavia il patron Commisso ha dichiarato che sarà necessario non intaccare la prossima stagione in caso di ripresa, specificando che prima di pensare solo ad allenarsi servirà superare la crisi sanitaria.

GENOA - Chiudere la stagione anticipatamente
- Le genovesi hanno espresso la preferenza per una chiusura anticipata del campionato. Recentemente il patron Preziosi ha specificato che il Grifone sarebbe disponibile a tornare in campo nel caso in cui ci fossero le condizioni, esprimendo tuttavia grossi dubbi su questa ipotesi.

HELLAS VERONA - Riprendere a giocare una volta cessata l'emergenza
- "Noi siamo per la ripresa del campionato. Ci piacerebbe giocare e la politica non ci interessa". Ancora una volta, una posizione molto chiara e definita: l'Hellas Verona, qualora ce ne fosse la possibilità, sarebbe per il ritorno in campo.

INTER - Non si espone
- Ufficialmente la società nerazzurra non ha indicato una preferenza. I dirigenti intanto valutano la possibilità del taglio degli stipendi della rosa. Per quanto riguarda la ripresa l'idea è non andare allo scontro, aspettare e valutare sulla base di tempi e formula per chiudere la stagione.

JUVENTUS - Non si espone
- La Juve non prende una posizione netta al momento e va visto in questa ottica anche l'accordo con i giocatori: prevede la necessaria elasticità nel riconoscimento degli stipendi. Tuttavia con l'ECA, giusto ieri, il patron Agnelli ha dato un segnale piuttosto forte ieri e va nella direzione della ripresa del campionato a ogni costo.
LAZIO - Riprendere a giocare una volta cessata l'emergenza
- Senza se e senza ma, la Lazio giocarsi tutte le possibilità di vincere uno storico Scudetto e lo ribadisce ogni settimana attraverso i propri dirigenti. Le parole di Lotito di ieri ne danno ulteriore conferma: "L'allenamento è un atto lavorativo. Perché se lavorano nelle fabbriche, un calciatore non può svolgere il proprio compito in condizione di totale sicurezza? Comunque mi auguro che adesso la situazione migliori e mi aspetto che si torni presto in campo, sempre nel massimo rispetto dei protocolli. Il centro sportivo della Lazio, che è uno dei più grandi d'Italia, ha il personale idoneo per poter proseguire la propria attività".

LECCE - Riprendere a giocare una volta cessata l'emergenza
- Dal punto di vista sportivo la posizione del club giallorosso è facilmente capibile: al terzultimo posto, i salentini vogliono almeno la possibilità di giocarsi lo scontro diretto con il Genoa (all'andata fu 2-2). Il presidente Sticchi Damiani lo ha ribadito: "Spero si possa tornare in campo in condizioni di sicurezza mettendosi alle spalle il virus: è un sogno che mi piace cullare. Pee la Lega, terminare la stagione sarebbe l'ideale sotto il profilo finanziario. Noi rischiamo di retrocedere, ma è un rischio che dobbiamo correre".

MILAN - Non si espone
- Al settimo posto in classifica (con una gara in più rispetto a Hellas e Parma però) e in semifinale di Coppa Italia, i rossoneri sarebbe quasi certamente in Europa League se la stagione finisse. In ogni caso il club rossonero non ha preso una posizione ben definita riguardo il ritorno in campo la fine anticipata dell'annata.

NAPOLI - Riprendere a giocare una volta cessata l'emergenza
- In piena rimonta in classifica, gli azzurri hanno indicato in ogni confronto della Lega Serie A la propria intenzione di ritornare a giocare il prima possibile. Tuttavia, non c'è una vera e propria comunicazione ufficiale circa la preferenza del club.

PARMA - Non si espone
- Il club gialloblù, consapevole della difficile situazione sanitaria presente nella propria zona, non ha ancora una posizione circa il possibile ritorno in campo. In questo momento è stata data priorità assoluta alla solidarietà e alla lotta al virus.

ROMA - Riprendere a giocare una volta cessata l'emergenza
- La Roma è tra i club che vuole riprendere a giocare una volta che l'emergenza sarà alle spalle: c'è ancora una Champions in ballo, oltre ad un percorso in Europa League che vede i giallorossi come una delle potenziali favorite per il successo finale. Ne ha parlato anche il dirigente giallorosso Calvo: "La priorità del mondo del calcio, una volta scongiurata l'emergenza, è quella di ripartire. Ci sono varie bozze di calendario sul tavolo delle discussioni".

SAMPDORIA - Chiudere la stagione anticipatamente
- Le genovesi hanno espresso la preferenza per una chiusura anticipata del campionato. Il patron Ferrero in una recente intervista ha manifestato grossi dubbi sulla possibilità effettiva di tornare in campo in situazioni di assoluta sicurezza.

SASSUOLO - Riprendere a giocare una volta cessata l'emergenza
- Pur non essendosi sbilanciata su una posizione piuttosto che su un'altra, oggi la preferenza del club emiliano sarebbe riprendere a giocare, purché ci siano condizioni uguali per tutti. "Giusto terminare il campionato. Non dovremmo andare oltre fine luglio. Seguiamo le linee guida della Lega, chi ha più possibilità dia un contributo al sistema", le ultime parole al riguardo di Carnevali.

SPAL - Non si espone
- Nessuna preferenza esplicitata da parte della SPAL, che attende di capire quando e come l'emergenza finirà. Da Ferrara non trapela null'altro al momento.

TORINO - Chiudere la stagione anticipatamente
- Cairo è stato il più chiaro possibile nelle recenti dichiarazioni: la stagione 2019-20, se spostata in estate, rischia di rovinare anche quella seguente. Toro totalmente pro chiusura quindi: "Giocare a luglio sarebbe accanimento, rischiamo di compromettere non una ma due stagioni".

UDINESE - Non si espone
- Nel taglio degli stipendi l'Udinese non avrebbe un gran risparmio, quindi dal punto di vista economico sarebbe più conveniente giocare e assicurarsi la propria fetta di diritti tv. Riguardo l'ipotesi di tornare in campo Marino ha detto: "Noi non abbiamo definito una posizione, oggi parlare di riprese e ripartenze ci porta in un delirio di onnipotenza. Noi siamo di fronte a una situazione che non era prevedibile e non è programmabile".
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246
Aut. Lega Calcio Serie A e Serie B num. 53

Copyright © 2000-2020 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000