Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / milan / News
Maldini sul rapporto con i giocatori: "I ragazzi hanno sempre bisogno di supporto"TUTTO mercato WEB
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
venerdì 1 dicembre 2023, 22:10News
di Niccolò Crespi
per Milannews.it

Maldini sul rapporto con i giocatori: "I ragazzi hanno sempre bisogno di supporto"

Paolo Maldini, ex capitano rossonero ed ex direttore dell'area tecnica fino a giugno, ha parlato per la prima volta del suo licenziamento in una lunga intervista concessa a Repubblica. Maldini ha affrontato principalmente il tema del suo addio, estrapolando però anche molte altre interessanti e delicate tematiche importanti che lo hanno accompagnato in questi ultimi mesi post-addio al Milan.

Maldini risponde così alla domanda relativa ai compiti meno appariscenti svolti da direttore dell'area tecnica del Milan: "Un lavoro sotto traccia? Sicuramente il rapporto con i giocatori. Con Leao, Theo Hernandez, Bennacer, Maignan, Kalulu, Thiaw, Tomori e molti altri, il vero lavoro è stato supportarli nel loro sviluppo. Se noi pensiamo che i giocatori non abbiano bisogno di supporto, sbagliamo. Sinceramente, quando oggi leggo che Theo e Leao sono il problema del Milan, dico che al mondo si può davvero raccontare tutto e il contrario di tutto: sono due campioni, ma la loro crescita non è ancora completata e necessitano di qualcuno che li aiuti. I giocatori hanno bisogno di tempo per maturare e di persone che parlino con loro: è anche il bello del nostro lavoro, è il frutto della nostra esperienza. Spesso ho fatto mente locale, pensando a me quando ero calciatore: allora non si usava, ma avrei avuto tantissimo bisogno di supporto. D’altronde, se l’equazione tra la spesa sul mercato e il risultato fosse corretta e infallibile, Psg, Chelsea e Manchester United avrebbero vinto tutto più volte”.