Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / milan / ESCLUSIVE MN
ESCLUSIVA MN - Mattioli: "Il Milan sta meglio dell'Atalanta. Pioli messo troppo in discussione"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
sabato 9 dicembre 2023, 12:00ESCLUSIVE MN
di Redazione MilanNews
per Milannews.it

ESCLUSIVA MN - Mattioli: "Il Milan sta meglio dell'Atalanta. Pioli messo troppo in discussione"

Riguardo all’imminente Atalanta-Milan e all’attualità in chiave rossonera, la redazione di MilanNews.it raggiunto telefonicamente in esclusiva Mario Mattioli, giornalista e saggista. Ecco le sue parole.

Che tipo di partita sarà Atalanta-Milan?

“Forse ci arriva meglio il Milan dell’Atalanta. I rossoneri avranno infatti alcuni recuperi importanti e potranno dire la loro. I bergamaschi, in questa stagione, hanno ancora troppe incognite da sciogliere…”.

Hai fatto riferimento ai recuperi derivanti dagli infortuni. Per quali ragioni, tuttavia, il Milan ne ha subiti in numero così ingente?

“Proviamo a metterci nei panni di Pioli. Arrivano sette-otto giocatori nuovi di valore e, per vincere, sei chiamato a schierarli sempre. L’allenatore è stato messo troppo in discussione su questo tema e non solo. Pensate a quante difficoltà, anche linguistiche, ha dovuto affrontare. La comunicazione, negli allenamenti e non solo, è importante. Se ascoltiamo le interviste dei calciatori del Milan, i più parlano la rispettiva lingua di appartenenza, nemmeno l’inglese”.

È stato lasciato eccessivamente solo, dal tuo punto di vista?

“Pioli è un allenatore che conosco. È pratico, incide dove e come può. A me non sembra che abbia mai polemizzato su qualche questione in particolare. Ha digerito la situazione così com’era e ha lavorato sodo. Nonostante tutto, è terzo in classifica”.

A proposito di rapporto con la società Milan: ti hanno sorpreso le recenti dichiarazioni di Maldini?

“Cardinale non è un uomo di calcio, ha legittimi interessi di natura economica e finanziaria. Logico che, senza una figura come Maldini, il Milan ha perso qualcosa. Però la società è passata in mano a Red Bird con determinati obiettivi. A Maldini e Massara, evidentemente, non sono andati bene. A Pioli sì e, infatti, è l’unico rimasto”.

Un eventuale ritorno di Ibrahimovic potrebbe giovare al club rossonero?

“Secondo me sì, con la sua figura al fianco della squadra. Il Milan attuale ha bisogno di lui, nemmeno guardando troppo sul lungo termine”.

Si è trattato il tema Maldini e l’imminente sfida all’Atalanta non può non rimandare a De Ketelaere, suo ingente investimento economico nell’estate del 2022. Con il senno di poi, i rossoneri hanno commesso una scelta sbagliata?

“Vedendo come sta rendendo con l’Atalanta, direi di sì. Oltre a lui, il Milan ha anche sbagliato a fare “all-in” su Giroud, senza pensare minimamente al futuro. Per gennaio serve un’altra prima punta. Altrimenti il problema è serio”.

L’attuale Milan ti dà la sensazione di potersi qualificare agli ottavi di Champions e, parimenti, di avere chance in chiave scudetto?

“No, questa stagione sarà già un ottimo risultato se il Milan si qualificherà in Champions League. Per gli ottavi della competizione europea attuale, la vedo onestamente molto dura, vista è considerata la situazione del girone…”.