Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / milan / News
Passerini: "Milan, domani ci vuole personalità. Se non batti questo Rennes c'è qualcosa che non va"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
mercoledì 21 febbraio 2024, 18:40News
di Manuel Del Vecchio
per Milannews.it

Passerini: "Milan, domani ci vuole personalità. Se non batti questo Rennes c'è qualcosa che non va"

Carlos Passerini, noto giornalista de "Il Corriere della Sera", ha concesso un’intervista a Carlo Pellegatti sul suo canale YouTube. Tra i vari argomenti del mondo Milan toccati si è parlato anche della sfida di domani sera, il ritorno dei PlayOff di Europa League, contro il Rennes.

Queste le sue dichiarazioni: "Oggi Terrier l’ha detto in conferenza stampa: “Se segniamo presto possiamo entusiasmare il pubblico”. È quella la chiave della partita di domani. Il Rennes cercherà di segnare subito, di sbloccare la partita, e di cambiare il senso di questa sfida. Una partita che oggi dal risultato sembra già compromessa per il Rennes, l’hanno detto anche loro, ma se dovessero segnare nei primi minuti allora cambia”

Quale deve essere l’atteggiamento del Milan? “Ci vuole personalità in una partita così. Il Milan di una volta una partita così l’avrebbe incanalata subito, cioè facendo capire proprio col linguaggio del corpo che la partita non c’era. Non c’è una regola fissa, ma il Rennes che ho visto all’andata è un Rennes che devi battere anche al ritorno. Se non lo batti allora c’è qualcosa che non va. È una partita che il Milan deve incanalare mettendo subito le cose in chiaro. Non deve fargli fare un gol nei primi 20 minuti facendogli capire che va bene così. Ci vuole un approccio di personalità. Ecco, non è l’approccio di personalità che ho visto a Monza: è stato tutto tranne che personalità”.