Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / milan / Serie A
Milan, Pioli: "Ciclo finito, abbiamo dato tutto. Le critiche? Credo siano normali"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
domenica 26 maggio 2024, 12:30Serie A
di Patrick Iannarelli

Milan, Pioli: "Ciclo finito, abbiamo dato tutto. Le critiche? Credo siano normali"

Stefano Pioli, tecnico del Milan, ai microfoni di Sky Sport ha analizzato la sua avventura sulla panchina rossonera: "Sono stati due giorni belli, perché in questi 5 anni mi sono emozionato tantissimo. Emozioni forti che è bello vivere. Finisce un percorso che ci ha dato tanto e finisce nel momento giusto. C'è solo gratitudine e riconoscenza per i club e i giocatori. Ciò che ho vissuto io è difficile anche solo sognarlo".
Il tecnico è poi tornato su quelli che sono stati i momenti negativi che hanno portato a parecchie critiche: "Credo che sia normale, abbiamo alzato l'asticella, vincendo lo scudetto con la squadra più giovane di sempre. I tifosi sono tornati ambiziosi - ha voluto ribadire -. Non vincere ha creato del malcontento, ma ho vissuto un ambiente che ci ha sempre dato stimoli ed energia. Il Milan è un grande club con una tifoseria fantastica. I ragazzi sono stati speciali, perché un gruppo normale si sarebbe girato dall'altra parte. Invece noi ne siamo venuti fuori. Il ciclo? Si, è finito. Io ho dato tutto, i giocatori hanno dato tutto. Quello che abbiamo trovato è diverso da ciò che lasciamo. Credo sia giusto così. Ho dato il massimo, tutto, ma ho anche ricevuto tanto, dai giocatori ai tifosi".