Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
tmw / milan / Nato Oggi...
Fabio Capello, una carriera di trionfi sia da giocatore che da tecnicoTUTTOmercatoWEB.com
sabato 18 giugno 2022, 00:00Nato Oggi...
di Lorenzo Di Benedetto

Fabio Capello, una carriera di trionfi sia da giocatore che da tecnico

Fabio Capello, calciatore di successo prima e tecnico capace di vincere tutto poi. Una carriera sul terreno di gioco nata alla SPAL, nel 1962, poi il passaggio alla Roma, dove in tre stagioni è sceso in campo 84 volte mettendo a segno 18 reti. Successivamente il passaggio alla Juventus e in bianconero ha vissuto la sua parentesi più positiva da calciatore. 240 presenze e 41 reti, con la vittoria di tre Scudetti, che si aggiungono a quello vinto poi con la maglia del Milan e alle due edizioni della Coppa Italia con giallorossi e rossoneri. Con la maglia della Nazionale ha invece giocato 32 partite siglando 8 gol: storico quello contro l'Inghilterra a Wembley che valse la prima vittoria italiana nel celebre stadio. Terminata la carriera da giocatore ha intrapreso quella da allenatore sedendo sulle panchine di Milan, Real Madrid, Roma, Juventus, Inghilterra, Russia e Jiangsu Suning, vincendo cinque Scudetti (quattro al Milan e uno alla Roma più uno revocato), quattro Supercoppe italiane, due Liga, una Champions League e una Supercoppa UEFA. Un anno fa, contemporaneamente all'addio alla società cinese, Don Fabio ha annunciato l'addio al calcio. Oggi Capello compie 76 anni.

Sono nati oggi anche Vincenzo Montella, Marco Borriello, Antonio Floro Flores e Pierre-Emerick Aubameyang.