Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / napoli / Serie A
ADL accende il calumet della pace sullo stadio. Il sindaco di Napoli: "Vinceremo la partita"TUTTO mercato WEB
venerdì 8 dicembre 2023, 17:38Serie A
di Dimitri Conti

ADL accende il calumet della pace sullo stadio. Il sindaco di Napoli: "Vinceremo la partita"

Aurelio De Laurentiis ha colto l'occasione e ha trovato nella sua presenza ieri al Comune di Napoli, dove la città conferiva la cittadinanza onoraria all'ex tecnico dei campani e oggi ct della nazionale italiana Luciano Spalletti, l'assist perfetto per tornare ad intavolare discorsi intorno allo stadio della squadra.

"Il ristorante sceglietelo voi. Prenotate il luogo e ditemi l'orario. Poi pago io, ma organizziamo presto", dice ADL a Demetrio Papais, consigliere del gruppo che appoggia il sindaco Gaetano Manfredi (nell'immagine di copertina dell'articolo). Il presidente del Napoli, dopo tanti scontri e polemiche innescate anche e soprattutto da sue dichiarazioni (il sindaco juventino e il consiglio che odia il Napoli, disse) prova così ad accendere il calumet della pace.


Una cena o un pranzo, per riaprire il discorso sul Maradona. De Laurentiis si è intrattenuto anche con l'assessore del bilancio e il presidente dell'Unione industriali, ma basta già la sua presenza nella Sala dei Baroni ad ufficializzare la tregua. Da giorni è ripreso il dialogo con il sindaco Manfredi, sebben il Consiglio Comunale appaia ancora freddo e poco incline a tendere una mano al presidente. C'è comunque chi intende collaborare, come spiega l'ex sindaco Bassolino: "È interesse della città e del Napoli". Aggiunge il consigliere Longobardi di Fratelli d'Italia: "Abbiamo discusso delle polemiche sullo stadio. Mi ha detto che si sono sentiti abbandonati, che hanno avuto problemi anche per le Universiadi e anche il fatto degli impiegati comunali senza scrivania".

Al lavoro su una concessione di 50 anni su cui il produttore e numero uno del club sta lavorando, il sindaco ha chiesto ad ADL di rivedere il progetto dello stadio presentato nel 2016 alla giunta De Magistris. Spiega lo stesso Manfredi: "Con Aurelio tutti i discorsi sono aperti, va messo al centro il risultato. Dobbiamo avere un grande stadio per la città e per i tifosi. Serve dialogare, sempre, nell'interesse dei cittadini. Credo che con ADL la stima sia reciproca, pur essendoci una certa dialettica. L'obiettivo è portare il Maradona ad essere uno stadio degli Europei in Italia e Turchia. Una partita non semplice, ma quelle difficili le vinciamo. Vinceremo anche questa".