Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / napoli / I fatti del giorno
Il primo allenamento a Castel Volturno, le emozioni e Hamsik: inizia l'era Calzona a NapoliTUTTO mercato WEB
mercoledì 21 febbraio 2024, 00:34I fatti del giorno
di Lorenzo Di Benedetto

Il primo allenamento a Castel Volturno, le emozioni e Hamsik: inizia l'era Calzona a Napoli

La prima notte a Napoli, da allenatore del Napoli, il primo allenamento diretto, il tempo che non c'è, visto l'impegno con il Barcellona in Champions League, e le parole su Marek Hamsik, che non farà parte del suo staff, almeno per il momento. Francesco Calzona ha vissuto una giornata piena di impegni, prima di arrivare alla prima conferenza stampa, nel tardo pomeriggio.

La giornata e le prime parole.
Il neo allenatore del Napoli ha lasciato il suo hotel, dove ha incontrato il presidente Aurelio De Laurentiis, intorno a mezzogiorno, per dirigersi a Castel Volturno e conoscere il gruppo, prima di condurre il primo allenamento della sua avventura nel capoluogo campano. Prima di entrare nella macchina che lo ha trasportato al centro sportivo il tecnico ha rilasciato le primissime parole: "Emozionato? Abbastanza. Se ho parlato con Hamsik? Sempre. Arriva? Vediamo".


Niente Hamsik.
Nonostante il "vediamo" di Calzona le indiscrezioni non propendono per il ritorno di Marek Hamsik come collaboratore dell'allenatore, visto che, nonostante l'invito, l'intenzione dell'ex centrocampista è quella di continuare a seguire l’Academy, i figli e la famiglia.

I ritorni, comunque, non mancano: il vice sarà Simone Bonomi, già con lui a Bratislava e a Napoli con Sarri; il preparatore atletico, invece, Francesco Sinatti, uno dei segreti dello scudetto e uno dei peccati originali delle decisioni estive: dimissionario perché ai margini con Garcia, ma Aurelio non se l’è mai perdonata. E se l’allenatore ha ricevuto il placet della federazione slovacca per ricoprire il doppio incarico, Sinatti ha ottenuto quello della FIGC, considerando che è anche il prof della Nazionale di Spalletti.