Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / napoli / Notizie
ADL: "Non vendo il Bari prima del 2028, senza noi fallirebbe". Sindaco Bari: "Sragiona, se ne vada!"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
mercoledì 22 maggio 2024, 22:30Notizie
di Antonio Noto
per Tuttonapoli.net

ADL: "Non vendo il Bari prima del 2028, senza noi fallirebbe". Sindaco Bari: "Sragiona, se ne vada!"

Il Bari non cambierà proprietà prima del 2028 e senza Filmauro è destinato a fallire.

Il Bari non cambierà proprietà prima del 2028 e senza Filmauro è destinato a fallire. È quello che ha dichiarato al Senato oggi  Aurelio De Laurentiis, presidente del Napoli e patron anche del Bari, guidato dal figlio Luigi.  

"Cosa farà quella società calcistica (il Bari, ndr) una volta che la famiglia De Laurentiis si sarà stancata, e ne sarà probabilmente uscita prima del 2028, perché prima non se ne parla? Probabilmente sarà destinata a rimanere dov'è, o a fallire, a meno che ci siano dei gruppi, stranieri o italiani, che possano intervenire poderosamente". Ricordiamo che entro il 2028 non saranno più consentite le multiproprietà nel calcio, quindi la Filmauro non potrà più detenere sia Napoli che Bari e sarà costretta a venderne una. 

Dopo qualche ora è arrivata la risposta del sindaco di Bari, Antonio Decaro, attraverso una nota: "Talvolta le parole di Aurelio De Laurentiis sono così fuori tempo e fuori luogo che ci si chiede se a parlare sia lui o il suo imitatore Max Giusti. Alla vigilia di una partita che chiamare delicata è un eufemismo, ragiona (anzi, sragiona) evocando scenari futuri come il fallimento del Bari calcio o la condanna a rimanere in un campionato minore fino al 2028. Abbiamo chiesto, in passato, le scuse di Aurelio De Laurentiis. Questa volta non basteranno. Ci aspettiamo che la Filmauro provveda immediatamente, qualunque sia l’esito della partita di domani, a intavolare serie trattative per non rimandare un passaggio di proprietà che sembra ormai l'unica via d’uscita da una situazione diventata ingestibile, sotto tutti i punti di vista. Quanto a noi tifosi baresi, preferiamo fallire di nuovo che essere costantemente umiliati da un proprietario che ha dimostrato di non amare questa squadra e questa città. Forza Bari, sempre”.

La contestazione di Bari. Da mesi la presidenza De Laurentiis è duramente contestata a Bari. La squadra, dopo aver sfiorato la Serie A nello scorso campionato è stata smantellata nelle ultime sessioni di mercato. Il Bari quest'anno ha esonerato tre allenatori (Michele Mignani, Pasquale Marino, Giuseppe Iachini) ed è ora guidato da Federico Giampaolo, ex tecnico della Primavera. Domani, dopo l'1-1 all'andata al San Nicola, i biancorossi si giocheranno la permanenza in Serie B nel playout di ritorno contro la Ternana.