Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / napoli / Le Interviste
Agostinelli: “Conte dovrebbe giocare a 4 dietro. Se il Napoli fosse arrivato in Champions…”TUTTO mercato WEB
giovedì 13 giugno 2024, 22:40Le Interviste
di Francesco Carbone
per Tuttonapoli.net

Agostinelli: “Conte dovrebbe giocare a 4 dietro. Se il Napoli fosse arrivato in Champions…”

Andrea Agostinelli, allenatore, ha rilasciato un’intervista a Radio Goal, in diretta su Kiss Kiss Napoli

Andrea Agostinelli, allenatore, ha rilasciato un’intervista a Radio Goal, in diretta su Kiss Kiss Napoli: “Oggi come oggi credo che Conte utilizzi il modulo con la difesa a 4, ma chissà che non ci sia un pensiero di giocare a 3. Dal 3-4-2-1 al 3-4-3 cambia poco, gli esterni si allargherebbero nel secondo caso. Di Lorenzo? E’ un quarto di difesa, ma ha una predisposizione ad attaccare anche e può giocare da qualsiasi parte. Considerato che in una difesa a tre il braccetto deve saper giocare a calcio e quindi Di Lorenzo potrebbe farlo. Come quinto pure potrebbe giocare, ecco perchè le insistenze di Conte a voler trattenere un giocatore che può giocare in due posizioni.

Pressioni a Napoli? Anche i top allenatori le sentono in una città di Napoli, ma c’è chi ha esperienza e sa gestirle. L’annata sfortunata può capitare a tutti, ma la differenza la fa il fatto di saper gestire certi momenti. Conte è perfetto per il Napoli di oggi, prima si parlava di Italiano e se il Napoli non avesse fatto un campionato del genere, uno come Italiano sarebbe potuto diventare l’allenatore del Napoli. Ora al Napoli serviva il nome, uno che nessuno può criticare a bocce ferme ed ecco Conte”.