Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
tmw / napoli / Le Interviste
Bagni pessimista: “Non penso che la società si avvicinerà mai a Mertens”TUTTOmercatoWEB.com
sabato 2 luglio 2022, 17:00Le Interviste
di Francesco Carbone
per Tuttonapoli.net

Bagni pessimista: “Non penso che la società si avvicinerà mai a Mertens”

A Radio Marte, nel corso del programma “Marte Sport Live”, è intervenuto l’ex calciatore del Napoli, Salvatore Bagni

A Radio Marte, nel corso del programma “Marte Sport Live”, è intervenuto l’ex calciatore del Napoli, Salvatore Bagni: “Essere arrivati fin qui con Mertens dopo aver avuto tutto il tempo a disposizione significa aspettare che Mertens si avvicini per amore della città e dei tifosi.

Koulibaly, secondo me, rimane ma l’unico dubbio è: molte squadre europee stanno andando su De Ligt che ha una clausola rescissoria molto elevata e non è detto che tutte le squadre siano disposte a spendere quella cifra, allora potrebbero ripiegare su Kalidou.

Se una cosa mi interessa cerco di tenerla quanto più possibile. Nessuno ne parla perché non c’è certezza, nessuno vuole prendersi la responsabilità di fare la prima mossa. Per quale motivo il Napoli avrebbe dovuto dire di non volere Mertens? Dries potrebbe anche fare l’ultima mossa per restare al Napoli.

Non penso che la società si avvicinerà mai a Mertens. Il Napoli, che è una squadra di altissimo rango, non deluderà le aspettative.

Insigne e Mertens hanno dimostrato fino all’ultimo di amare questa città ma sono stati messi in condizioni di andarsene.

Se non c’è Mertens prenderei Deulofeu, che è più vicino al nostro calcio, e non giocatori che si devono ambientare. Il Napoli deve prendere gente pronta sin da subito. Il presidente dietro ha sempre il muro quindi un passo indietro non riesce a farlo. In questo mese non si è mosso niente, Kvaratskhelia e Olivera erano nostri da tempo. È innegabile che Spalletti non ci abbia creduto fino in fondo alle qualità di Mertens, è stato utilizzato poco.

Quest’ultima stagione abbiamo raggiunto il minimo obiettivo, l’anno prossimo non so come faremo. Se non si muove niente allora ce la possiamo ancora giocare per il terzo o quarto posto, anche se spererei in qualcosa di più.

Maldini è stato bravissimo a tenere in pugno la situazione quando non andava bene, e questo lo può fare solo uno che conosce i meccanismi. C’è delusione totale per i risultati che non sono stati ottenuti, potevano vincere tre volte lo scudetto.

Cavani? Anche in questo caso dovrebbe essere Cavani a chiamare il presidente e dirgli di voler tornare, così come Mertens.

Ostigard come quarto non mi dispiace. Politano vuole andare via e io non manterrei in rosa giocatori scontenti, merita comunque di avere spazio ma spero cambi idea.

Januzaj a zero? Il suo periodo migliore l’ha già avuto, ma è ancora giovane; tecnico e molto duttile”.