Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
tmw / napoli / Le Interviste
Sesa: “Per Mertens aspettiamo, ma se sarà addio merita un grande tributo”TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
martedì 5 luglio 2022, 20:50Le Interviste
di Antonio Noto
per Tuttonapoli.net

Sesa: “Per Mertens aspettiamo, ma se sarà addio merita un grande tributo”

"Forse non fa parte delle idee del club, è un business molto duro e il Napoli farà i suoi interessi".

Nel corso di 'Radio Goal', David Sesa, ex calciatore azzurro, ha parlato ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli: "Per Mertens aspettiamo, perché non sappiamo ancora come questa storia andrà a finire. E’ un giocatore che ha dato tanto per questa maglia, il minimo che bisognerebbe fare per salutarlo sarebbe una festa importante davanti al pubblico. Forse non fa parte delle idee del club, è un business molto duro e il Napoli farà i suoi interessi.

Meret? Sarebbe giusto che giocasse come titolare, come secondo punterei su un giovane di prospettiva. La competizione con Ospina non ha dato molta serenità a Meret, ora gli darei la responsabilità di essere il numero uno. E’ arrivato il tempo di puntare su di lui, il secondo potrebbe anche uno di esperienza come Sirigu che potrebbe far crescere ancora di più Meret.

Petagna? Anche quest’anno ha avuto poco spazio, una cosa è giocare nella SPAL e un’altra è farlo nel Napoli. Fare la prima punta non è facile soprattutto quando hai davanti Osimhen. Bisogna capire cosa vuole fare il ragazzo, se fare ancora la riserva o andare in un’altra squadra per giocare di più”.