Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / napoli / Le Interviste
AUDIO - Enrico Fedele: "Napoli, ecco perché quest'anno deve vincere lo Scudetto"
martedì 4 ottobre 2022, 09:30Le Interviste
di Redazione Tutto Napoli.net
per Tuttonapoli.net

AUDIO - Enrico Fedele: "Napoli, ecco perché quest'anno deve vincere lo Scudetto"

Lo storico agente di calciatori ed ex dirigente del Parma Enrico Fedele a TMW Radio, durante Maracanà, ha parlato dei temi del giorno.

Lo storico agente di calciatori ed ex dirigente del Parma Enrico Fedele a TMW Radio, durante Maracanà, ha parlato dei temi del giorno.

Il futuro di Inzaghi è segnato?
"E' segnato. Quattro partite perse su otto, non è possibile andare avanti. Contro una Roma non irresistibile non ha fatto granchè. Non capisco perché prenda tutti questi gol. Non può dipendere solo da Brozovic. E pure in attacco ha buoni interpreti ma segna poco. Per me il Napoli quest'anno deve vincere lo Scudetto per mancanza di avversari. Tutti dipendono da qualche giocatore, il Napoli vince anche senza Osimhen. Non c'è una concorrente che ammazza il campionato, per questo il Napoli deve approfittarne. Le difficoltà può trovarne in qualche giocatore che non è abituato all'altezza e in qualche punto perso con le piccole e quindi delle indecisioni di Spalletti". 

Come vede il momento del Milan?
"L'unico giocatore determinante prima era Ibrahimovic, oggi è Leao. I giocatori indispensabili sono quelli che segnano, gli altri sono importanti ma non indispensabili. Senza questi non vinci".