Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / napoli / Le Interviste
Ex prep. portieri: “Donnarumma non è più tranquillo, sente la pressione di Meret”TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
martedì 22 novembre 2022, 07:15Le Interviste
di Francesco Carbone
per Tuttonapoli.net

Ex prep. portieri: “Donnarumma non è più tranquillo, sente la pressione di Meret”

A Radio Napoli Centrale, nel corso di Un Calcio alla Radio, è intervenuto Luciano Tarallo, ex preparatore dei portieri del Napoli

A Radio Napoli Centrale, nel corso di Un Calcio alla Radio, è intervenuto Luciano Tarallo, ex preparatore dei portieri del Napoli: "Paperumma? Senza errori non c’è crescita. Lui ha posizionato bene la barriera su punizione, era tutto perfetto, compresa la sua stessa posizione. Voleva fare la parata plateale, forse, questo è stato il problema. È uno dei più grandi portieri e resta tra i più forti, ma psicologicamente è un po’ in difficoltà perché dietro scalpita uno come Meret che sta dicendo la sua in campionato e in Nazionale, sta andando alla grande. Tra quei pali, se c’è un concorrente alle spalle, tutto incide anche emotivamente, adesso Donnarumma non è più tranquillo come una volta.

Meret o Donnarumma con i piedi? Guardando le statistiche sui passaggi sul corto, medio e lungo lancio, Alex è primo in Italia. Ospina non è più un portiere del Napoli e quindi fa parte della storia, ma in una partita a Genova fece un errore palese: sul rilancio andò con i piedi in fallo laterale e la Sampdoria segnò proprio a partire dalla rimessa, nessuno ne ha mai parlato. Perciò dico che ci sono dei preconcetti. L’anno scorso si parlava spesso di Cragno a Napoli, uno dei più forti tra i tiri parati, ma è ovvio se stai in una squadra che riceve tanti tiri.

Rigorini? Non volevo arrivare all’episodio di Osimhen, nessuno dice che il difensore è stato un brocco, quegli errori sono da Terza Categoria. Mondiale? Vincono Brasile o Francia".