Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / napoli / Notizie
CdS - Inchiesta Juve, spunta una scrittura privata con l'Atalanta per KulusevskiTUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
domenica 4 dicembre 2022, 00:15Notizie
di Redazione Tutto Napoli.net
per Tuttonapoli.net

CdS - Inchiesta Juve, spunta una scrittura privata con l'Atalanta per Kulusevski

Continuano ad emergere nuovi elementi nell'ambito dell'inchiesta della Procura di Torino sui conti della Juventus.

Continuano ad emergere nuovi elementi nell'ambito dell'inchiesta della Procura di Torino sui conti della Juventus. L'ultimo, come scrive il Corriere dello Sport, è relativo a una scrittura privata (sottoscritta dall'amministratore delegato dell'Atalanta, Luca Percassi) tra bianconeri e Atalanta circa l'acquisto di Dejan Kulusevski, che sarebbe stata "nascosta" e che invece smentirebbe le dichiarazioni di Fabio Paratici, allora dirigente Juve, agli ispettori Consob a riguardo di un impegno soltanto morale assunto dalla società bergamasca per l'affare Kulusevski, pagato 35 milioni più 9 di bonus nel gennaio 2020. 

Nella scrittura privata, secondo i magistrati derivante non da impegni morali ma da negozi giuridici non resi pubblici, l'ad Percassi s'impegna - il 30 dicembre 2019 - ad acquistare a titolo definitivo un giocatore della Juventus, suggerito dalla stessa società bianconera, per il valore di 3 milioni di euro. L'Atalanta acquistò nel giugno 2020 Simone Muratore per 7 milioni. La cessione del calciatore ha determinato la rilevazione di una plusvalenza di oltre sei milioni nella relazione finanziaria del 30 giugno 2020. A parlare dell'operazione è la Procura di Torino nella richiesta di custodia cautelare, avanzata a giugno, per quanto riguarda le partnership tra la società bianconera e altre squadre.