Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / palermo / Serie A
Mutti: “Palermo-Cremonese, Sarà una bella lotta. Brunori? È da Serie A”TUTTO mercato WEB
© foto di Federico Gaetano
giovedì 22 febbraio 2024, 20:04Serie A
di Lorenzo Di Benedetto

Mutti: “Palermo-Cremonese, Sarà una bella lotta. Brunori? È da Serie A”

Ospite: Avv. Bortolo Mutti Piazza Affari con Cristiano Cesarini.
00:00
/
00:00
Bortolo Mutti, allenatore ed ex calciatore, è intervenuto durante il programma “Piazza Affari” a TMW Radio per commentare vari temi.

Che idea si è fatto sulla sfida tra Palermo e Cremonese?
“La prossima sarà una grande partita. Il Palermo viene da un periodo positivo con due vittorie. La Cremonese, invece, viene da due pareggi. Sarà una bella lotta. I rosanero hanno dato un segnale davvero importante. Sarà uno spartiacque”.

La proprietà è importante?
“Hanno scelto Palermo perché sanno che il pubblico risponde. È un progetto che vale tanto e su cui bisogna concentrarsi. I rosanero sarebbero una bella realtà in Serie A”.


Sull’attacco e su Brunori? Sarebbe da Serie A?
“Ci sono stati tre innesti molto importanti su una squadra già di livello. Hanno fatto un grande mercato. Brunori è l’anima di questa squadra. Ha fatto un gol sul primo palo davvero importante ma in generale è un esempio per come si propone alla squadra. Per me sarebbe da Serie A. Se dovesse succedere con il Palermo sarebbe un grande trascinatore”.

Come mai, nonostante non ci siano solo fenomeni in Serie A, Brunori e Coda non vengono calcolati?
"Effettivamente non c’è un grande numero di centravanti. Si vive ancora con i vecchi nomi. Ormai il calcio si va verso la coralità. Nel Palermo segnano tutti per esempio. Per esempio, però, l’Atalanta non ha un centravanti incredibile”.

Sul Parma?
“Non deve mollare. Dietro ci sono belle squadre e quindi non deve fare passi falsi. Il Parma ha grandi individualità e ha i numeri per essere protagonista. La concorrenza dietro è molto alta quindi deve stare attenta”.