Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / parma / Interviste
Pecchia: "Un passo alla volta e tutti dentro. Il Tardini dovrà essere una bolgia"
martedì 11 giugno 2024, 08:41Interviste
di Alessandro Tedeschi
per Parmalive.com

Pecchia: "Un passo alla volta e tutti dentro. Il Tardini dovrà essere una bolgia"

Ai microfoni del Corriere dello Sport il tecnico crociato Fabio Pecchia si è raccontato in una lunga intervista, partendo dalle emozioni della festa promozione: "Un tifoso, abbracciandomi durante la festa per il ritorno in Serie A, mi ha detto: “mister, non c’era così tanta gente per le strade neppure quando abbiamo vinto la Coppa Uefa"". Parma in stile Bologna o Atalanta? Risponde il tecnico: "Ed è bello, credetemi, che la gente abbia questo entusiasmo: il Tardini dovrà essere una bolgia. Noi però dobbiamo continuare a fare un passo alla volta. Ci vogliono anni per costruire qualcosa di importante. Ha presente i bambini che iniziano a fare le scale? Ecco, predico prudenza e mi affido alla maturità e alla competenza dei parmigiani".

Senza esperienza non si rischia di fare la fine del Frosinone? Tanti giovani, tanti complimenti, poi un finale drammatico. 
"Mi sono ritrovato nel percorso del Frosinone e mi è dispiaciuto tanto per la retrocessione. Allenare i ragazzi è un po’ come partire dall’alfabeto e poi aiutarli a scrivere un bel tema. Permettetemi però un distinguo: i giovani del Frosinone non erano tutti di proprietà del Frosinone, quelli del Parma sì".

“Tutti dentro” è il suo motto. Che significa? 
"Che tutti devono sentirsi parte del progetto Parma. Squadra, medici, nutrizionisti, area performance e analitica, comunicazione, psicologi, magazzinieri, massaggiatori, tifosi".