Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / parma / News
S. Iacoponi: "Zirkzee a Parma era acerbo, forse non era il contesto giusto per lui"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
mercoledì 19 giugno 2024, 18:06News
di Giuseppe Emanuele Frisone
per Parmalive.com

S. Iacoponi: "Zirkzee a Parma era acerbo, forse non era il contesto giusto per lui"

Intervistato ai microfoni di MilanNews.it, l'ex capitano del Parma Simone Iacoponi, oggi difensore dell'Aglianese, ha parlato di Joshua Zirkzee, suo compagno ai tempi della militanza in maglia crociata, obiettivo di mercato dichiarato proprio del Milan: "Quando è venuto da noi era un momento particolare", ricorda Iacoponi. "Era la sua prima esperienza nel campionato italiano e inizialmente ha avuto qualche difficoltà in più. Però era evidente che avesse delle qualità importanti. Tecnicamente e fisicamente era un giocatore di altissimo livello. A Bologna ha trovato la sua dimensione, più che altro grazie alla fiducia da parte della squadra e del mister sono venute fuori le qualità che si vedevano a Parma. Il primo impatto è stato di un giocatore che aveva un potenziale enorme che faceva fatica a esprimerlo. Non esaltava le sue qualità, per una questione di ambientamento e una questione di squadra. Con noi va detto che ha giocato veramente poco".

Iacoponi prosegue così: "Era ancora acerbo, forse in quel contesto c'era bisogno di qualcos'altro. Per lui in quel momento Parma non era il posto adatto. Sinceramente non pensavo diventasse un uomo mercato di questo livello. O almeno non con questa velocità. Ma i numeri sono dalla sua parte, ha fatto giocate importanti e fisicamente è un giocatore formato, che può ancora migliorare nelle scelte di gioco. Può già essere importante per una grande squadra. Di lui colpisce la personalità, è un giocatore convinto di quello che può fare e questa è un'arma vincente. Il paragone con Ibrahimovic? Ci può stare per la loro stazza e le loro movenze, ma Joshua è molto più tecnico rispetto a Ibra che era più concreto".

LEGGI ANCHE: Ag. Valeri: "C'erano cinque richieste ma il ragazzo ha scelto Parma: decisiva la telefonata di Pecchia"