Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / perugia / News
Anche in Umbria è nettamente in calo la vendita dei giornali in edicola: lo studio a cura della Camera di Commercio
mercoledì 29 novembre 2023, 09:54News
di Redazione Perugia24.net
per Perugia24.net

Anche in Umbria è nettamente in calo la vendita dei giornali in edicola: lo studio a cura della Camera di Commercio

Poche copie vendute, giornalisti mal pagati, aziende editoriali in perdita e un calo medio annuo di copie del 9% dal 2019 ad oggi. E’ la fotografia del giornalismo in Umbria - pubblicata dal quotidiano La Nazione in edicola oggi - che è messo male come nel resto d’Italia ma molto peggio rispetto rispetto ai «cugini» di Marche, Abruzzo e Toscana. Questi dati emergono dal Primo rapporto redatto dall’Osservatorio sull’Occupazione e l’Editoria dell’Umbria, presentato ieri a cura della Camera di Commercio in collaborazione con l’Università di Perugia, il Corecom Umbria, l’Ordine dei Giornalisti dell’Umbria e Associazione Stampa Umbra. Nel Cuore Verde l’anno scorso ha acquistato una copia di un quotidiano il 2,2% della popolazione (18.600 copie al giorno), contro il 3,2% della Toscana, il 3% delle Marche e il 2,6% dell’Abruzzo): nel 2022 si vendevano 20.623 copie giornaliere.

Va meglio per i settimanali (circa 50mila), ma in un anno sono state settemila in meno le copie, così come i mensili (da 40mila a 29mila). Le imprese giornalistiche (quotidiani con esclusione di Nazione e Messaggero, Riviste e periodici, Trasmissioni radiofoniche, Tv, agenzie di stampa), hanno un numero medio di dipendenti più basso (2,7 addetti per impresa: 77 imprese con 400 dipendenti) di quello delle altre regioni del Centro. Il costo del lavoro per addetto è inferiore alle altre regioni: nel 2022 il massimo è nelle Marche con 25.593 euro per addetto, minimo Umbria con 20.907 euro.In media poi un addetto stampa nella nostra regione (che non è sempre un giornalista) viene pagato 7.730 euro all’anno (nel 2019 quando era a 9.916 euro mentre in Toscana è di 21.724 euro, 21.232 nelle Marche, 17.014 in Abruzzo. Poi ci sono i contributi pubblici: le Radio nel 2023 ne hanno avuti 598mila euro (595mila nel 2022 e 272mila nel 2020), mentre le Tv sono salite a quota 1,2 milioni (contro i 917mila dell’anno scorso e i 446mila del 2020).