Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
tmw / perugia / Serie B
Palermo-Perugia 2-0, le pagelle: subito Brunori show, serataccia per LisiTUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
sabato 13 agosto 2022, 22:51Serie B
di Luca Esposito

Palermo-Perugia 2-0, le pagelle: subito Brunori show, serataccia per Lisi

Risultato finale: Palermo-Perugia 2-0

Palermo

Pigliacelli 6- Serata tranquillissima.

Sala 6 - Grande spinta offensiva nei primi 25 minuti, nonostante una botta alla caviglia subita in avvio di match da Iannoni. Alla lunga il dolore si fa sentire e chiede il cambio. Ma la sua prova è sufficiente. Dal 60' Crivello 6 - Entra per dare maggiore equilibrio alla squadra in un momento d'affanno, svolge il compito con diligenza sfornando anche qualche cross interessante.

Nedelcearu 6,5 - Il Perugia gioca soprattutto con lanci lunghe dalle retrovie e si schiera con una sola punta, non fa fatica a prendere le misure. Eccellente un recupero nel finale su Olivieri.

Marconi 6,5 - Con il compagno di reparto forma un coppia complementare, in grado di leggere bene e in anticipo ogni situazione potenzialmente pericolosa. Non sbaglia nulla.

Buttaro 6,5 - Prova di personalità all'esordio in serie B, va vicino al gol del 3-0 con un tiro in diagonale che termina a lato di pochissimo.

Broh 6 - Fa arrabbiare Corini per qualche appoggio sbagliato in fase di impostazione, ma il suo lavoro oscuro in fase di non possesso è sempre prezioso.

Damiani 6,5 - A centrocampo i rosanero sono in emergenza e deve cantare e portare la croce, alla lunga stravince tutti i duelli e risulta uno dei migliori in campo.

Valente 6 - Qualche buona accelerazione e un duello interessante con Casasola, non proprio l'ultimo arrivato. Impatto positivo e applausi del pubblico al momento della sostituzione. Dal 60' Stoppa 6 - Approccio alla gara da grande giocatore, va per due volte vicino al gol e delizia la platea con alcune giocate davvero di spessore.

Floriano 6 - Entra nell'azione del rigore, si conferma un elemento molto valido nell'uno contro uno sempre in grado di creare superiorità numerica. Spazia su tutto il fronte offensivo per non dare punti di riferimento, nel 4-2-3-1 può essere una mina vagante. Dal 45'st Soleri 6 - Prezioso in entrambe le fasi, quando pigia il piede sull'acceleratore è sempre pungente.

Elia 7 - Il classico gol dell'ex, non fosse stato per il VAR ne avrebbe realizzati addirittura due. Avanza il suo raggio d'azione rispetto alla parentesi di Benevento e dà ragione a Corini che lo getta nella mischia dall'inizio. Dal 90' Pierozzi sv.

Brunori 7 - Dopo la strepitosa stagione in C, la grande chance per la definitiva consacrazione. Apre come aveva chiuso, trasformando un rigore sotto la Nord. Peso specifico diverso, ma era fondamentale partire subito col piede giusto. Da antologia l'assist che vale il 2-0 di Elia.

Eugenio Corini 6,5 - Ha ereditato la squadra da pochi giorni, ma l'esordio è di quelli giusti. Ottimo approccio e gestione quasi perfetta del vantaggio e della superiorità numerica.

Perugia

Gori 5 - Elia gli piega le mani con un tiro non irresistibile, ci pensa la bandierina dell'assistente a smorzare sul nascere eventuali critiche e polemiche. Sempre Elia lo beffa sotto le gambe da distanza ravvicinata.

Dell'Orco 5,5 - In avvio di gara è il più puntuale tra i difensori biancorossi, non commette errori particolari ma soffre la rapidità di Elia.
Curado 4,5 - Non certo una serata indimenticabile per l'ex centrale del Frosinone, apparso fuori posizione in occasione del rigore e della rete del 2-0. Da arancione un brutto intervento su Damiani. Dall'85'Angella sv.

Sgarbi 5 - Anche per lui non è stata una serata positiva, Brunori gli sbuca da tutte le parti e risulta incontenibile.

Casasola 6 - Ultimo ad arrendersi. E non è una novità. Calciatore perfetto per le idee di gioco di Castori, le sue verticalizzazioni sono sempre un fattore. Un'impressionante cavalcata personale avvia l'azione del quasi 1-1, peccato che Melchiorri vanifichi tutto calciando a lato a porta semivuota.

Iannoni 5,5 - Giovanissimo e di grande prospettiva, arriva a Perugia con l'etichetta del predestinato appiccicatagli addosso da Walter Sabatini. Mica uno qualsiasi. L'ammonizione rimediata dopo due minuti lo condiziona in minima parte, alla lunga sale in cattedra e ostenta qualità. Dal 70' Paz sv.

Vulikic 5 - Da lui ci si aspettava un pizzico di imprevedibilità in più, fatica ad entrare in partita e forse la sostituzione è anche tardiva. Dall'85'Ghion sv.

Lisi 4,5 - La sua espulsione condiziona completamente una partita sin lì incanalata verso un equilibrato e giusto 0-0.

Righetti 5,5 - Castori crede molto in questo ragazzo e lo getta nella mischia dal primo minuto come accaduto in tutto il precampionato, ma esigenze tattiche lo costringono ad uscire in largo anticipo. Non era partito male. Dal 30'Di Serio 5 - Entra e si rende subito pericoloso con una conclusione sul primo palo a lato di poco. Toglie dallo specchio della porta un colpo di testa di Melchiorri.

Kouan 5,5 - Ormai da un anno e mezzo agisce da trequartista pur non avendone totalmente le peculiarità. Non a caso fa vedere le cose migliori quando arretra il raggio d'azione e gioca da mezzala. Discontinuo.

Melchiorri 5 - Ha una chance colossale per pareggiare, ma calcia come peggio non potrebbe. Fino a quel momento sovrastato fisicamente dai centrali di casa. Dal 70'Olivieri sv.

Fabrizio Castori 5,5 - Nonostante l'inferiorità numerica, la sua squadra ha il merito di restare in partita fino al quarto d'ora finale. Le sue squadre solitamente esplodono da febbraio in poi, c'è tempo per riconoscere il suo marchio.