Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / roma / Calcio estero
Dodici intoccabili, tante situazioni da definire e partenze da assorbire. Il Real è un cantiereTUTTO mercato WEB
© foto di Federico Titone/BernabeuDigital.com
lunedì 5 giugno 2023, 14:28Calcio estero
di Michele Pavese

Dodici intoccabili, tante situazioni da definire e partenze da assorbire. Il Real è un cantiere

Courtois, Carvajal, Militao, Alaba, Rudiger, Mendy, Lucas Vazquez, Tchouameni, Camavinga, Valverde, Vinicius, Rodrygo. Sono questi, ad oggi, i dodici giocatori sicuri di essere nella rosa del Real Madrid 2023/24. Una situazione piuttosto singolare per il club più titolato del mondo, e che ovviamente fa sorgere più di qualche dubbio sulla programmazione.

Dei sette giocatori in scadenza di contratto, tre hanno già annunciato la loro partenza: si tratta di Karim Benzema, Marco Asensio e Mariano Diaz, mentre Eden Hazard si è svincolato con un anno di anticipo. Restano quindi ancora da definire i rinnovi di Luka Modric, Toni Kroos, Dani Ceballos e Nacho Fernandez, mentre è probabile che, dopo una stagione vissuta ai margini, Lunin, Vallejo e Odriozola decidano di cambiare maglia. Gli acquisti di Fran Garcia (già ufficiale) e di Jude Bellingham e i ritorni di Brahim Diaz e Antonio Blanco dai prestiti non saranno ovviamente sufficienti a rinforzare la squadra, che ha bisogno di innesti di spessore soprattutto in avanti, dove i due brasiliani resteranno "orfani".


E Carlo Ancelotti? Il tecnico italiano ha più volte ribadito che intende rispettare il contratto e che quindi non lascerà Madrid prima del 30 giugno 2024. D'altro canto, il pressing della Federcalcio brasiliana è forte e questa situazione di incertezza, unita ai soliti "malumori" tipici del Real dopo una stagione che ha prodotto solo trofei "minori", potrebbero fargli cambiare idea. Nei prossimi giorni se ne saprà di più, ma l'addio di Benzema ha provocato più di qualche scossone.