Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / roma / Serie A
Retroscena Zapata, l'Atalanta ha detto no alla Roma perché il riscatto non era scontatoTUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
martedì 5 dicembre 2023, 15:51Serie A
di Andrea Losapio

Retroscena Zapata, l'Atalanta ha detto no alla Roma perché il riscatto non era scontato

La doppietta di Duvan Zapata all'Atalanta, quasi con le lacrime agli occhi, ha spiegato molto di quanto successo in estate sul suo trasferimento dai nerazzurri al Torino. "Da quando sono arrivato qui, mi hanno fatto sentire importante. Ci sono state cose interne dov'ero prima (all'Atalanta, ndr), negli ultimi giorni di mercato. Nel club non mi hanno dato il valore che meritavo. Qui invece mi hanno accolto subito nel modo migliore, anche in questi momenti difficili, e li sto superando".

Come leggere queste dichiarazioni di Zapata? Bisogna riavvolgere il nastro ad agosto, quando i nerazzurri avevano la richiesta della Roma per Duvan, nessuna per Muriel. I due colombiani potevano salutare entrambi, visto che la rosa a disposizione di Gasperini in attacco non era di poco conto. I giallorossi volevano un prestito con diritto di riscatto, offrendo un anno a Zapata a 2,7 milioni più un biennale in caso di riscatto sempre alle stesse cifre. L'Atalanta non era convinta delle condizioni della Roma perché non era scontata una sua conferma.


Per questo non c'è mai stato nessun veto da parte di Gasperini al suo addio in direzione Roma. Come spiegato da Percassi ieri sera: "Lo ricordiamo con tanto affetto, fa parte della storia dell'Atalanta come tanti altri giocatori però abbiamo anche colto la sua voglia di provare un'esperienza diversa e ce ne siamo fatti una ragione". Il suo riscatto scatterà alla prima presenza da aprile in poi e per quanto fatto vedere sembra avere risolto i suoi problemi fisici. Gli stessi che facevano dubitare l'Atalanta ad agosto, quando sono arrivate le offerte per Duvan. Tanti giocatori in attacco, uno stipendio importante in meno, forse l'ultima occasione per monetizzare. Tutti argomenti che hanno fatto pendere il piatto della bilancia verso la cessione.