Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
tmw / roma / Interviste
Esposito: "Vincere va sempre bene, adesso alla Roma serve continuità"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
sabato 28 maggio 2022, 12:46Interviste
di Marco Rossi Mercanti
per Vocegiallorossa.it

Esposito: "Vincere va sempre bene, adesso alla Roma serve continuità"

Mauro Esposito, ex fra le altre di Cagliari e Roma, è stato intervistato da tuttomercatoweb.com a margine del Football Moments Padel Tour al Tennis Club Raffaelli a Forte dei Marmi.

La vittoria della Roma in Conference League?
"Ci credevo perché quest'anno la Roma ha fatto grandi cose, Mourinho ha instaurato con i giocatori e con la piazza un grande rapporto. Come inizio va benissimo, vincere non è mai facile, sono contento per la piazza che merita questi grandi traguardi".

Cosa serve alla Roma per fare il salto di qualità?
"Serve continuità. Questo deve essere un inizio perché come ho detto la Roma merita di continuare a vincere. La Conference è stato un bellissimo traguardo, la Roma potrà continuare a fare grandi cose allestendo una squadra ancora più competitiva".

Da esperto nel ruolo, cosa ne pensa di Zalewski?
"Si è imposto subito alla grande, non era facile fare subito bene in una piazza così importante. Bravissimo Mourinho a lanciarlo e a credere in lui, ha messo in mostra tutte le sue qualità ed ha meritato di giocare tutte le partite che ha fatto".

Di chi sono le responsabilità delle retrocessione del Cagliari?
"Sono davvero dispiaciuto, un pezzo di cuore l'ho lasciato a Cagliari. La retrocessione è un danno incredibile, Cagliari rappresenta un'isola intera. Le colpe, quando si retrocede, sono di tutti: dalla società ai giocatore, non è facile capire dall'esterno quali sono stati gli errori".

In Serie B è dura.
"È molto difficile, è un campionato lungo, ma penso che allestiranno una squadra competitiva per tornare subito in serie A perché è una piazza troppo importante".