Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / roma / Interviste
Casaroli: "Bove e Tripi meriterebbero più spazio, Mourinho deve avere il coraggio di lanciarli"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
lunedì 12 settembre 2022, 00:00Interviste
di Marco Rossi Mercanti
per Vocegiallorossa.it

Casaroli: "Bove e Tripi meriterebbero più spazio, Mourinho deve avere il coraggio di lanciarli"

Walter Casaroli, doppio ex di Roma ed Empoli, ha parlato su Centro Suono Sport all’interno della trasmissione Bar Forza Lupi. Queste uno stralcio delle sue parole:

La Roma?
“Non c’è quell’equilibrio per diventare una grande squadra. Compri giocatori, poi li vendi, c’è poca pazienza in linea generale”.

Bove e Tripi meriterebbero maggiore considerazione?
“Ci vuole coraggio a buttare dentro un ragazzo giovane. Serve supporto psicologico da parte della società, il giovane rischia di soffrire il passaggio dalla Primavera al professionismo, per me fu un po’ difficile. Mourinho lo ha fatto con Zalewski l’anno scorso, deve avere nuovamente il coraggio di farlo. Per carità, poi magari Bove o Tripi potrebbero non essere all’altezza”.

Cosa manca alla Roma per diventare una grande squadra?
“Quest’anno sono stati presi buoni giocatori, in linea di massima è stata fatta una campagna acquisti giusta. Mourinho è il tecnico giusto, però si deve entrare in campo convinti di poter proporre il proprio gioco. Mourinho dal punto di vista mediatico è grandissimo, è speciale in tutti i sensi, ma dal punto di vista del gioco non è questo grande propositore”.