Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / roma / Interviste
Basilea, Calafiori: "Mourinho a volte ti fa rosicare per vedere la tua reazione. Sogno un ritorno alla Roma"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Image Sport
giovedì 1 dicembre 2022, 11:50Interviste
di Luca d'Alessandro
per Vocegiallorossa.it

Basilea, Calafiori: "Mourinho a volte ti fa rosicare per vedere la tua reazione. Sogno un ritorno alla...

Riccardo Calafiori, ex calciatore della Roma, ora al Basilea ha rilasciato queste parole a Cronache di Spogliatoio:

Sulla Roma: 
"Era il mio sogno, l’ho anche coronato, ho giocate tante partite, vissuto tante belle serate, non dimenticherò mai quel gol con lo Young Boys. Sì, è uno dei rimpianti aver segnato con lo stadio a porte chiuse per il Covid. Però il mio l’ho fatto, poi potevo rimanere di più ma il mio sogno l’ho coronato".

Che rapporto avevi con Mourinho?
"Col mister ho sempre avuto buon rapporto, come persona ti dice le cose in faccia. Se gli piaci o no te lo dice chiaramente. Come può capitare a tutti, se fai bene ti fa i complimenti altrimenti ti dice dove hai sbagliato. Ma non mi ha messo la croce addosso. Lui usa bastone e carota, a volte ti fa rosicare, ma vuole vedere la reazione. Poi quando reagisci ti viene lì ad abbracciare. Mi ha lasciato grossi insegnamenti che porterò con me. Posso approcciare alle nuove esperienze con più tranquillità, so come affrontare le difficoltà".

Speravi in un prestito invece che una cessione a titolo definitivo?
"Diciamo che non è detto che sia un addio definitivo, non si sa mai, può succedere di tutto. Se vai via a titolo definitivo hai più occasione di giocare, hai più possibilità di lottare per quella squadra. Ad esempio al Genoa ero in prestito ed è successo l’opposto, ho giocato poco e niente".

De Rossi?
"Di aneddoti ne ho tanti. Io facevo riabilitazione e lui mi ha preso sotto la sua ala protettiva, mi portava a casa e a Trigoria. Una bella amicizia. Uno più trasparente di lui non l’ho conosciuto. Rimproveri? Nel 2018/19 facevo una diretta con una mia amica, lui entra e mi scrive ‘ma la vuoi finì a co**ne?’ Canzone? Sempre e per sempre di De Gregori, piaceva a tutte e due. La metteva sempre, l’ha messa anche nel giorno dell’addio. Lui girava con un modello di Lamborghini che aveva solo lui. Ricordo che un giorno un signore al semaforo si è fermato ed è sceso per scattare una foto, ha fermato il traffico. La cosa bella di Roma è che non fanno distinzione. Se è un periodo che stai facendo bene, non dico che sei come Daniele De Rossi, ma ti fermano sempre".

A cosa deve puntare la Roma? 
"L’obiettivo è sempre la Champions, poi questo casino che è successo alla Juve potrà giovare anche alla Roma. La seconda parte di stagione come lo scorso anno andrà meglio".

A chi ti ispiravi? "
Kolarov. Adesso il più forte è Theo Hernandez. Kolarov fu uno dei primi a starmi vicino in prima squadra, mi dava sempre consigli anche nelle cose più stupide, nel torello, mi diceva di non aver paura, di osare. Lo sento spesso anche lui, come De Rossi e Dzeko".

Se dovessi giocare in Conference contro la Lazio? 
"Da una parte non so se ci conviene, dall'altra non vedo l'ora di giocarci perché non l'ho mai fatto. Contro la Roma? Le emozioni le immagini, sono tifoso ma divido le due cose. Questo è il mio lavoro e faccio il professionista".

Dove ti vedi tra cinque anni?
"Ho due immagini: tornare in Italia, magari nella Roma, oppure il mio sogno sarebbe giocare in Premier. Mi piace molto il West Ham o Chelsea".